Motoraduni: come prepararsi in maniera efficace

6232 0
6232 0

Tutti gli appassionati delle due ruote sanno cosa significhi prendere parte a dei motoraduni. Divertimento, condivisione e sicurezza. Questo è il motoraduno.

In Italia e all’estero sono tante le occasioni per prendere parte a queste particolari manifestazioni a due ruote, in modo particolare durante il periodo estivo e primaverile, anche se non mancano quelli organizzati nel periodo autunnale.

I raduni non sono delle gare ma incontri pubblici e come tali regolati da regole ben precise che bisogna osservare scrupolosamente.

Iniziamo con il scegliere il nostro motoraduno attraverso i siti specializzati, e una volta preso la nostra decisione basterà compilare il form di iscrizione e potremmo passare alle prossime fasi. Come detto, una volta scelto il motoraduno porteremo la nostra moto per un accurato controllo dal nostro meccanico di fiducia, così da essere sicuri che tutto funzioni al meglio.

Queste manifestazioni hanno una durata variabile: alcuni sono in giornata, altri proseguono per 2 o 3 giorni in cui si possono percorrere diverse migliaia di chilometri, quindi una moto in perfette condizioni vi permetterà di godervi al meglio il motoraduno.

Motoraduni: a cosa prestare attenzione

In base al luogo e al periodo (oltre che al meteo) dovremmo organizzarci e munirci dell’attrezzatura idonea per affrontare al meglio il tragitto. Nel caso dovessimo scegliere un motoraduno nel periodo invernale è importante scegliere l’abbigliamento ideale per affrontarlo al meglio. In questi casi è utile controllare il meteo (comprese le temperature) e anche la durata completa del percorso. Nel vestire utilizzeremo la tecnica chiamata a cipolla in maniera da poter aggiungere o togliere all’occorrenza qualche pezzo però indossare un giubbetto termo riscaldato  sarà una scelta vincente.

Un piccolo consiglio. Attenti alla batteria della vostra moto, le basse temperature possono ridurre la sua durata quindi aspettate qualche minuto prima di accenderla. Qualche grado in più vi tornerà utile.

Consigli per la guida

Chi decide di partecipare per la prima volta a un motoraduno è importante che sia preparato anche su come affrontare al meglio la manifestazione. Eccovi alcuni consigli per non rovinarvi la festa.

Nei motoraduni si viaggia tutti insieme e il più delle volte molto vicini l’uno con l’altro. Distanze che servono per evitare la formazione dei classici serpentoni stradali ma al tempo stesso possono trasformarsi in una trappola per voi e per gli altri partecipanti. Una frenata improvvisa e il tamponamento è assicurato. Quindi non sarebbe male aumentare di qualche metro la distanza di sicurezza da chi vi precede e se è fattibile posizionarvi sfalsati da chi vi è davanti.

Attenzione anche a chi vi sta dietro. Se voi dovete distanziarvi da chi vi precede, anche gli altri dovranno rispettare le giuste distanze. Dobbiamo guidare rilassati e se notiamo uno troppo vicino a noi, basterà fargli un semplice cenno per farlo distanziare il giusto tanto.

Cosa fare se non riuscite a tenere il passo

Prima di tutto non preoccupatevi se i vostri compagni di viaggio diventano dei piccoli punti all’orizzonte e soprattutto non fatevi prendere dalla frenesia della velocità per trasformarvi in un Valentino Rossi o in un Marc Marquez. Godetevi il paesaggio e la strada. Nel caso fatevi consegnare la mappa dell’intero percorso oppure fate mente locale per ricordarvi il punto di ritrovo intermedio o finale della manifestazione. Ognuno di noi va secondo la moto e alla propria esperienza nella guida. Sino a oggi non si è perso nessuno durante un motoraduno.

Sicurezza in viaggio

Parlando di sicurezza in viaggio bisogna aprire una parentesi per i sorpassi a scia. Ogni tanto potrebbe capitarvi di dover superare un veicolo più lento facendoci trascinare da chi ci precede, fidandoci del suo punto di vista. Non fatelo assolutamente! Questo tipo di sorpassi possono nascondere dei pericoli perché basta una manovra errata o un altro veicolo in arrivo nella corsia opposta è si rischia un brutto incidente. Pensate con la vostra testa e sorpassa solo ed esclusivamente se siete sicuri di farlo in tutta sicurezza.

Un altro consiglio importante che vi voglio dare è quello di rispettare sempre e comunque il Codice della Strada a maggior ragione se si viaggia in compagnia di altri motociclisti. Evitate fughe in avanti in stile Moto Gp perché anche se viaggiate in gruppo le multe sono individuali. Inoltre ricordiamoci sempre che quando stiamo in sella alle nostre moto c’è in gioco solo la nostra vita ma anche quella delle altre persone. I motoraduni non sono dei Moto Gp.

Perché partecipare ad un motoraduno

  • Conoscere persone nuove con cui condividere la passione delle due ruote e potrebbe capitare di chiacchierare. Se volete scambiare quattro parole con gli altri membri fatelo durante le fermate lungo il tragitto che è più sicuro. La voglia di scambiarci pareri mentre siamo in sella, ci costringe a viaggiare affiancati con il nostro interlocutore, riducendo in maniera pericolosa la distanza di sicurezza. In questi casi può bastare anche un leggero tocco tra le due moto per rischiare di scontrarsi e cadere rovinosamente in terra con gravi conseguenze ai mezzi e a noi stessi.
  • Non c’è motoraduno che tenga senza la pausa per il pranzo. Il pranzo è un momento fondamentale nei motoraduni, in cui ci si siede a tavola con altri commensali e si trascorrono momenti divertenti. La regola base è di non esagerare troppo della tavola imbandita. Evitate la grande abbuffata se poi si deve risalire in sella per portare a termine il tragitto. Nel caso si sia mangiato e bevuto troppo, la digestione potrebbe influire negativamente sulla nostra guida e attenzione, quindi non sarebbe una cattiva idea quella di prolungare la sosta e nel caso (dove è possibile) anche un breve riposino che non guasta mai. Raggiungerete il gruppo una volta riposati a dovere.

Nel nostro Paese nell’arco dell’anno sono organizzate diversi motoraduni, alcuni alle prime edizioni e altri già collaudatissimi. Quindi abbiamo solo l’imbarazzo della scelta a quale prendere parte. Alla fine basta girare per il web, trovare i siti dedicati alle varie manifestazioni, leggere tutte le informazioni dalla location ai costi e su eventuali restrizioni per il tipo di moto e alla fine prepararsi alla grande avventura.

Ultima modifica: 26 Settembre 2018