Nissan: batterie allo stato solido sui suoi veicoli elettrici entro il 2028

432 0
432 0

Nel contesto del Nissan Futures (4 febbraio – 1 marzo 2023), evento che mostra il percorso di Nissan verso una mobilità sostenibile (si trova alla Global Headquarters Gallery Nissan di Yokohama), l’azienda giapponese, fra i tanti argomenti, ha parlato anche di batterie allo stato solido per i suoi veicoli elettrici. In particolare, Nissan ha annunciato anche una data entro la quale i suoi modelli verranno finalmente accessoriati con questo innovativo componente: il 2028.

Il piano di Nissan prevede la realizzazione di un impianto di produzione di prova dedicato che possa realizzare le prime batterie allo stato solido entro il 2025, completare i processi di progettazione e messa a punto entro il 2026 e applicare infine i nuovi dispositivi ai veicoli nel 2028. Per questo progetto Nissan si sta anche avvalendo dell’aiuto di ricercatori dell’Università di Oxford.

Leggi anche: Nissan presenta un nuovo prototipo di batterie a stato solido

“Pensiamo di avere qualcosa di molto speciale e di far parte di un gruppo di leader della tecnologia”, dice David Moss, vicepresidente senior di Nissan per al ricerca e lo sviluppo in Europa. Il dirigente ha continuato dicendo che con le batterie allo stato solido “Vogliamo ridurre i costi [rispetto alle batterie agli ioni di litio tradizionali] del 50%, raddoppiare la densità energetica e offrire una velocità di ricarica tre volte superiore”.

Nissan non è l’unica azienda impegnata nello sviluppo di questo genere di tecnologia. Toyota, BMW, VinFast, solo per citarne qualcuna, sono anche loro al lavoro da tempo. Nissan vuole evidentemente tentare di tornare a essere leader del settore elettrico, dopo essere stata una pioniera con la Leaf nel mercato dei veicoli elettrici a basso costo. Ritornare presto sul palcoscenico della mobilità elettrica con un veicolo dotato di batterie all’avanguardia, che promettono maggiori autonomie e più velocità di ricarica, potrebbe essere la formula giusta.

Ultima modifica: 7 Febbraio 2023