Anteprima Fiat Panda 2024, le prime immagini

224 0
224 0

È lei o non è lei?  Fiat Panda 2024, la quarta generazione di un modello che da oltre quattro decadi domina la categoria delle citycar, arriverà a fine 2024.

Le immagini che vedete, ufficialmente depositate con un brevetto da Stellantis, potrebbero anticipare da vicine un modello cruciale, per il mercato italiano e per Fiat.

Le linee sono sovrapponibili, seppur caratterizzate da stilemi vicini al Marchio italiano, a quelle di Citroen e-C3, la piccola nuova serie della francese che nasce sulla piattaforma Smart Car del Gruppo.

C’è anche un richiamo agli anni Ottanta e Novanta di Fiat con il logo delle cinque barrette inclinate sul muso.

Fiat Panda 2024, il frontale cambierà completamente

Nuova Fiat Panda 2024, come sarà: motori e batterie

Le forme in alcuni aspetti richiamano la concept Centoventi, ma le dimensioni dovrebbero essere simili alla e-C3, intorno ai 4 metri di lunghezza. La generazione sul mercato oggi è lunga 3.69 metri, di fatto un segmento sotto.

Nuova Fiat Panda affiancherà per qualche tempo la serie attuale, che resterà in vendita fino al 2026.

Dovrebbe essere prodotta in Serbia, a Kragujevac, in Italia potrebbe essere commercializzata non solo nella versione elettrica,  – quella principale avrà il powertrain della la Citroen con un motore da 113 cavalli, una batteria da 44 kWh e una autonomia di 320 km – con un prezzo vicino ai 23.000-25.000 euro.

Ma è possibile che vengano realizzate versioni più economiche di Fiat Panda 2024, con potenza inferiore ai 100 cavalli e batteria più compatta, per abbassare il prezzo al di sotto della soglia dei 20.000 euro. Ci sarà quasi certamenge anche una versione a benzina col 1.2 mild hybrid.

Fiat Concept Centoventi

Leggi ora: le novità auto

Cosa significa Fiat?

Fiat è l’acronimo di di Fabbrica Italiana Automobili Torino

Chi è il proprietario di Fiat?

Fiat appartiene al Gruppo Stellantis, che possiede anche i Marchi: Abarth, Alfa Romeo, Chrysler, Citroen, Dodge, DS Automobiles, Jeep, Lancia, Maserati, Opel, Peugeot, Ram Trucks e Vauxhall.

Ultima modifica: 6 Febbraio 2024

In questo articolo