Antifurto auto: come realizzarlo con lo smartphone

11092 0
11092 0

Antifurto auto: dispositivo sovente costoso, sofisticato per proteggere la propria vettura. Non è necessario, però, spendere troppi soldi per adempiere a questo compito. E’ possibile infatti realizzarne uno da soli utilizzando soltanto uno smartphone. Vediamo come fare.

La soluzione che sembra all’apparenza meno efficace di altre in realtà si dimostra idonea poiché consente alle Forze dell’Ordine di localizzare la vettura in caso di furto e di recuperarla in breve tempo. Per prima cosa bisogna scegliere lo smartphone migliore, o, perlomeno, quello più adatto allo scopo. Non servono apparecchi di grido, oppure dotati di caratteristiche mirabolanti poiché gli unici requisiti sono la possibilità di impostare l’audio in modalità silenziosa durante una chiamata e la presenza della risposta automatica. Consigliabile scegliere uno smartphone che possieda un microfono di ottima qualità e che riceva bene anche in zone con livello di segnale scarso.

Quindi, bisogna scegliere un gestore di telefonia mobile a cui affidarsi per la SIM da inserire nello smartphone. Può andare bene qualsiasi tariffa, abbonamento o ricaricabile che mantenga bassi i costi. Magari si può dare priorità all’operatore che, nella zona dove solitamente è posteggiata l’automobile, vanta la migliore copertura, ma è altrettanto importante che funzioni bene il roaming qualora, per ipotesi, la vettura venga rubata e portata all’estero. Occorre inoltre sottolineare che bisogna assolutamente mantenere segreto il numero di telefono della SIM per lo smartphone-antifurto.

Ultimo passaggio: annotare l’International Mobile Equipment Identity, meglio conosciuto come codice IMEI, un numero di 15 cifre che identifica, senza errori, ogni telefono cellulare e che consente, all’operatore telefonico, di poter bloccare la SIM di uno smartphone rubato o smarrito. L’IMEI può essere letto nel vano batteria, sulla scatola dello smartphone oppure dal display del cellulare: basta digitare la sequenza *#06# e dare invio.

Come prima cosa occorre quindi inserire la scheda SIM nello smartphone, verificare che vi sia rete e che il dispositivo inoltri/riceva chiamate. Quindi, abilitate la funzione ‘risposta automatica’ e quella di ‘ricerca automatica della rete’. Impostare il PIN all’accensione del dispositivo e bloccate subito la tastiera.

Di fondamentale importanza è il fatto di disabilitare qualsiasi funzione audio compresi altoparlante, suonerie, notifiche ed avvisi acustici di ogni tipo.

A questo punto, potete installarlo sull’automobile come antifurto auto: necessari un caricatore per automobili adatto allo smartphone in questione e cavi elettrici per collegarlo alla batteria dell’auto. Collegate tutto e nascondete il cellulare di modo da non essere visibile per chi sale a bordo.

Ultima modifica: 11 Ottobre 2017