Car sharing: cinque buoni motivi per scegliere il servizio

1799 0
1799 0

Il servizio di car sharing è sempre più diffuso tra gli automobilisti per almeno cinque buoni motivi condivisi da tutti quelli che lo hanno provato.

Car sharing

 

C’è una larga parte di automobilisti che è costretta, per motivi di lavoro, a trasferirsi in città lontane e per lunghi periodi per cui diventa conveniente poter “affittare” un veicolo e avere a disposizione assistenza e servizi per circolare in sicurezza e senza dover pensare ad assicurazione o manutenzione.

L’auto viene infatti noleggiata e condivisa da più utenti per un lasso di tempo o per un percorso strettamente necessario in cui poter utilizzare il veicolo rilevandolo in un punto vicino al proprio domicilio e rilasciandolo nel punto di arrivo senza avere vincoli di parcheggio (spesso le auto in car sharing usufruiscono dei parcheggi nelle strisce blu senza dover pagare la sosta).

Ma non ci sono solo i guidatori occasionali: tra gli utenti del servizio di car sharing ci sono anche quegli automobilisti che hanno dismesso definitivamente l’auto di proprietà e hanno scelto la convenienza della cosiddetta “mobilità mista” muovendosi sia con gli autobus sia, all’occorrenza, con le quattro ruote. Si capisce da questi due esempi che l’auto diventa uno strumento e non più solo un “bene” con tutte le implicazioni di natura economica e fiscale che quest’ultima condizione impone.

5 motivi per scegliere il car sharing

Sono evidenti i cinque motivi per cui è valido scegliere il car sharing come mobilità alternativa e più conveniente:

  1. I costi di tenuta e manutenzione di un’auto non sono mai sufficientemente ammortizzati dall’utilizzo di un veicolo di proprietà, quindi il car sharing è, alla lunga, più vantaggioso.
  2. Le condizioni economiche e contrattuali sono molto favorevoli in quanto sono previste tariffe variabili in base alla durata del noleggio oppure al modello di auto, il costo a chilometro viene stabilito sulla base di una franchigia, e lo stesso vale per il carburante.
  3. Non ci sono problemi di parcheggio in quanto il prelievo e la consegna del veicolo avvengono nei posti contrassegnati dalla striscia blu, a pagamento meno che per i residenti, ma convenzionati con le aziende di autonoleggio.
  4. La prenotazione avviene agilmente online o via mobile attraverso un’App appositamente dedicata;
  5. Non ci sono chiavi per aprire l’auto: basta un segnale dal proprio telefonino o un indicatore che individua la posizione dell’utilizzatore che l’auto si apre “magicamente”.

Conviene scegliere il car sharing?

La risposta è . Soprattutto per chi non ha bisogno di un mezzo di trasporto privato da utilizzare con assiduità minimo giornaliera, o per chi ne fa uso in trasferte dove l’assistenza e i servizi automobilistici sono fondamentali per guidare in serenità e senza preoccupazioni.

Ultima modifica: 24 Novembre 2017