Auto d’epoca: tutte le informazioni sull’amphicar anfibia

4370 0
4370 0

Amphicar è un’auto d’epoca nata nell’anno 1961 e la prima auto anfibia prodotta in massa, destinata a uso civile. Esaminiamo questo modello.

Incredibilmente Amphicar è ancora oggi uno dei pochi modelli eccellenti, in grado di viaggiare tranquillamente e senza problemi, sia sua acqua che su terra. Questo modello fu realizzato in poco meno di 4000 esemplari; per essere precisi gli esemplari di Amphicar prodotti furono 3.878. Oggi è sicuramente un’impresa ardua trovare un modello di questo veicolo, indipendentemente dalle condizioni nelle quali lo si troverà.

Gli appassionati e i collezionisti, se davvero desiderano trovare una Amphicar, dovrebbero ricercarla nel paese di origine e di produzione: ovvero in Germania. Per chi sogna di possedere questo modello, dobbiamo informarvi che il suo costo è discretamente alto. Le sue quotazioni in Germania sono certamente più alte di quelle ufficiali, che si aggirano attorno ai 15.000 Euro.

L’auto anfibia Anphicar del 1961 fu progettata da Hans Tripper; si tratta di un progettatore diventato noto per aver disegnato qualche anno precedente al 1961, le celebri ali di gabbiano della Mercedes 300 SL. Il veicolo anfibio è nato con lo scopo di offrire agli automobilisti la possibilità di avventurarsi in mare, o in alternativa nei laghi e nei fiumi, con lo stesso autoveicolo che viene utilizzato comunemente sull’asfalto.

Sicuramente questo autoveicolo ha rappresentato un’innovazione molto importante agli inizi degli anni sessanta, che per certi versi ancora oggi non è stata replicata in modo così preciso, considerando le circostanze tecnologiche e il periodo di fabbricazione di Amphicar. Per questa ragione, si tratta di un mezzo da collezione particolarmente amato.

Cos’è

Potremmo definire Amphicar 770, come il primo modello di automobile cabriolet anfibia, adibita al trasporto di persone su strada e su acqua. Il veicolo progettato dal celebre Hans Tripper, fu sviluppato in Germania a Wittenau, presso la Deutschen Waggon und Maschinenfabrik, che successivamente di trasformò in Deutsche Wassen und Munitionsfabriken.

La carrozzeria di questo particolare mezzo anfibio era prodotta dalla Industrie Werke Karisruhe, all’interno di una ex azienda di armamenti, situata in Schlutup, nei pressi di Lubecca. L’Amphicar veniva venduta nell’anno 1962 in Germania, al prezzo di 10.500 marchi tedeschi. Tuttavia il mercato tedesco non fu particolarmente fortunato. A sostenere questa affermazione, andrà considerato che dei 3.878 veicoli prodotti in Germania, ben 3.046 furono esportati negli Stati Uniti d’America.

Il motore del veicolo è un quattro cilindri in linea a ciclo Otto, prodotto dalla azienda britannica Triumph Herald 1200; la cilindrata è di 1,2 litri, mentre la potenza è di 38 PS (28kW). La trasmissione con cambio a quattro rapporti è della Hermes di Wuppertal, con rapporto 3 : 1, con retromarcia e movimento possibile in accoppiamento con le due eliche in polimetro per il movimento in acqua. Il veicolo presenta complessivamente 13 punti di ingrassaggio, per evitare grippaggi, data la presenza di acqua in buona parte delle zone meccaniche che la compongono.

Come funziona

Per quanto riguarda il funzionamento di Amphicar, si tratta di una cabriolet a due porte e quattro posti, in grado sostanzialmente, oltre di viaggiare su terra, di poter altresì viaggiare su acqua come una piccola barca. La carrozzeria di questo veicolo è infatti galleggiante e a tenuta stagna. Il motore posteriore è in grado di azionare sia le due ruote di trazione che un paio di eliche sommergibili installate sul veicolo.

Per queste sue particolari caratteristiche l’Amphicar ha certamente rappresentato negli anni sessanta la nuova frontiera dell’industria automobilistica europea e non solo, dal momento che questo veicolo è stato principalmente venduto negli Stati Uniti. Tornando al funzionamento della Amphicar, un’accortezza molto importante che dovranno prestare gli automobilisti, nell’utilizzo anfibio della Amphicar, sarà necessariamente evitare le spiagge troppo sabbiose, per entrare in acqua. Questo per evitare un insabbiamento della vettura che potrebbe creare non pochi problemi alla sua efficienza.

Per le sue caratteristiche di funzionamento più uniche che rare, Amphicar è stata presentata nell’anno 2013, al Salone Auto e Moto d’Epoca 2013. Ingegneri e inventori di ogni epoca, che sognavano una macchina in grado di affrontare le acque, hanno potuto realizzare i propri sogni, guidando, o meglio navigando con una Amphicar. Questo sogno è ancora realizzabile oggi, anche se forse più difficile, dal momento che una Amphicar è un gioiello che arriva a costare addirittura in alcuni casi, per esemplari in perfette condizioni, anche 50.000 euro.

Dato interessante, che per il movimento del mezzo in acqua, su Amphicar sono state installare delle luci di navigazione di colore rosso e verde e una tromba di segnalazione nautica. Per la sicurezza della navigazione vi è inoltre una luce di colore bianco, posizionata sul tetto. La ruota di scorta è invece posizionata all’interno del bagagliaio e sull’asse anteriore il serbatoio di plastica.

Caratteristiche

Amphicar è dotata di una carrozzeria in acciaio; sono presenti due eliche posizionate sotto il paraurti posteriore; questa automobile anfibia è tuttavia sprovvista di timone. Per cambiare direzione una volta nell’acqua, basterà utilizzare direttamente il volante. Per quanto riguarda il motore installato sulla Amphicar, si tratta di un 1.1 quattro cilindri a benzina da 44 cavalli. Si tratta dello stesso motore che è stato installato sulla Triumph Herald, al quale è stato abbinato un cambio manuale a quattro marce.

Per quanto riguarda le prestazioni di Amphicar, sicuramente non sono particolarmente eccellenti. La velocità massima che potrà raggiungere questa cabriolet tedesca è di 110 chilometri orari su strada e di 7 nodi su acqua. Per quanto riguarda le quotazioni ufficiali, come detto in precedenza, esse sono di 15.000 euro. Tuttavia per chi davvero fosse interessato ad acquistare questo modello, dovrà sapere che con molta probabilità andrà a spendere di più rispetto alle quotazioni ufficiali.

Amphicar è un modello assolutamente unico nel suo genere. Questi due fattori sono determinanti per mantenere il valore economico di questo veicolo, particolarmente elevato. E con molta probabilità i prezzi in futuro si alzeranno ulteriormente.

Questo veicolo è composto da un telaio a tubi e una carrozzeria interamente realizzata in acciaio, la cui parte inferiore ha uno spessore di 1,5 millimetri. Tutte le parti sono saldate. Le portiere sono state disegnate e concepite per l’immersione; per questa ragione sono state realizzate con un sistema a guarnizione doppia. Nel vano motore è inoltre installata una pompa di sentina, in grado di asportare l’eventuale acqua che riuscirà a penetrare all’interno degli assali.

Ultima modifica: 13 Marzo 2018