Maserati, il 2022 è stato un anno positivo a Modena

112 0
112 0

Il 2022 «è stato un anno positivo per lo stabilimento Maserati di Modena. Infatti, la produzione ha raggiunto le 1.250 unità» in crescita del «45,3% rispetto al 2021».

È quanto comunica la Fim-Cisl alla luce dei dati sulla produzione Stellantis in Italia negli ultimi dodici mesi.

Maserati, capacità produttiva saturata a Modena

«La crescita consistente registrata l’anno scorso a Modena è dovuta al fatto che la produzione si è spalmata per tutto l’anno, mentre nel 2021 il lancio produttivo della Maserati MC20 iniziò nel mese di aprile – spiega in una nota Alessandro Gamba, segretario aggiunto della Fim-Cisl Emilia Centrale -. L’aumento dei volumi ha consentito la saturazione della capacità produttiva del plant di Modena».

Leggi ora: MC20 Cielo, la prova su strada di QN Motori

Come lavora lo stabilimento

A giudizio del sindacalista, ancora, «altrettanto importante per consolidare la presenza Maserati a Modena è l’investimento in corso sul nuovo impianto di verniciatura, denominato FuoriSerie, dedicato alla personalizzazione dei modelli del Tridente, che determinerà un impatto positivo a livello occupazionale».

Nei due siti Stellantis a Modena, evidenzia l’organizzazione sindacale, sono occupati, oltre ai circa 200 dipendenti diretti di produzione Maserati, più di mille ingegneri.

Maserati Modena 2019

Leggi ora: Grecale, la prova su strada di QN Motori

Ultima modifica: 5 Gennaio 2023