Debutta la DB12 di Aston Martin Sport e tecnologia

671 0
671 0

Arriva la Super Tourer, la Aston Martin DB12, ultima perla di Gaydon, il massimo delle coupé del prestigioso Marchio inglese, dove DB è l’acronimo di David Brown, storico proprietario dell’azienda.

Alica Schmidt con la DB12

La DB12 segna un nuovo corso, l’inizio di una generazione inedita. Definita Super Tourer e non granturismo, abbandona lo storico motore V12 di 5.2 litri per adottare esclusivamente il V8 di 4 litri, fornito da Mercedes AMG e opportunamente evoluto fino a 680 cavalli di potenza e 800 Nm di coppia.

Aston Martin DB12, la super tourer col V8 da 680 cavalli - 18

Per questo regala prestazioni da sogno, 325 km/h di velocità massima, accelerazione da 0 a 100 km/h in 3,6 secondi, ma soprattutto una guida molto sportiva.

Grazie al differenziale posteriore a controllo elettronico, chiamato e-Diff, alle sospensioni elettroniche, agli pneumatici Michelin Pilot 5S, su cerchi da 21”, 275/35 all’anteriore e 315/30 al posteriore, con mescola dedicata AML.

La distribuzione dei pesi è ottimale: 48% all’anteriore e 52% al posteriore.

Sportiva in purezza, lunga 4,72 metri, pesante 1.685 kg, con un passo di 2,80 metri, che beneficia di una rigidità torsionale aumentata del 7%, mantiene un design fedele agli stilemi del marchio, elegantissimo, sintesi di sportività e proporzioni.

Raffinatissimo l’abitacolo, con una plancia nuova con strumentazione e infotainment e navigazione tridimensionale, entrambe su schermi da 10,25 pollici. Nuovi il volante e le finiture, sempre molto raffinati.

Per chi, oltre al canto del V8, vuole godersi anche altra musica, a richiesta c’è un impianto audio con 15 diffusori e 1.170 Watt realizzato su misura da Bowers & Wilkins.

Le consegne di Aston Martin DB12 inizieranno nei prossimi mesi, il prezzo non è stato ancora comunicato. Intanto una DB12 Lunch Edition è stata battuta all’asta per la notevole somma di 1,5 milioni di euro durante l’amfAR, fondazione per la prevenzione e la ricerca sull’AIDS, al Gala di Cannes.

Un esemplare ha anche fatto bella mostra in Italia, in occasione del Concorso Ippico Internazionale di Roma.

Debutta la DB12 di Aston Martin Sport e tecnologia
Bianca Balti e la DB12

Roberto Fedeli ex Alfa Romeo, Ferrari e Maserati, ora Group Chief Technology Officer di Aston Martin, racconta così: la DB12

«DB12 è un’auto che conferma la leadership del marchio in termini di prestazioni, dinamica, ingegneria e tecnologia. Abbiamo elevato ogni aspetto di questa vettura per farla essere la migliore della categoria. Il risultato è più potenza e più prestazioni rispetto alle concorrenti. Combinato con una maneggevolezza eccezionale e una colonna sonora emozionante, ne esce un’auto con passione e carattere veramente sportivi. Tutto ciò senza compromettere la raffinatezza, il comfort e il lusso. Insieme al nostro utilizzo di sistemi di controllo dinamico e infotainment leader del settore, DB12 è l’inizio dell’era più entusiasmante di Aston Martin».

Leggi ora: le novità auto

 

Ultima modifica: 6 Giugno 2023