Ricambi auto usati: quando conviene davvero acquistarli?

3926 0
3926 0

Acquistare un’auto è solo il primo passo, ma l’impegno richiesto per la manutenzione del veicolo è molto più ampio; spesso in fase iniziale si tende a sottovalutare quanto ampia è la gestione dell’auto di cui ci siamo follemente innamorati e il costo dei ricambi auto usati.

È dunque meglio prepararsi in anticipo alle spese che presumibilmente si dovranno affrontare negli anni successivi all’acquisto. Saremo così preparati a muoverci quando, malauguratamente, la nostra amata automobile ci costringerà ad assumere provvedimenti, spesso d’urgenza.

Ricambi auto usati: convengono davvero?

In caso di guasti si pone sempre l’alternativa tra pezzi originali licenziati dalla casa madre o ricambi usati. Nel primo caso si tratta di elementi che il produttore certifica identici a quelli utilizzati per la produzione di serie con le medesime prestazioni e garanzie.

Si tratta però di prodotti costosi che impongono talvolta una attenta valutazione costi – benefici. Ovvero: in quali casi conviene “svenarsi” per avere un ricambio fedele all’originale e quando invece se ne può anche fare a meno senza ripercussioni di sorta?

E se propendiamo per ricambi auto usati, ecco aprirsi ulteriori interrogativi: quale tipo di ricambio conviene acquistare di seconda mano? A chi rivolgersi per avere prodotti garantiti e sicuri? E cosa sono i ricambi rigenerati di cui tanto si parla?

Quando conviene acquistare ricambi auto usati

Ci sono dei casi nei quali l’acquisto di un ricambio usato o rigenerato non è una scelta ma l’unica soluzione possibile. Ad esempio per le auto molto vecchie uscite fuori produzione per le quali i ricambi non vengono più prodotti. Ma lo stesso ragionamento paradossalmente vale per i modelli di auto di recente produzione che solitamente non mettono a disposizione i componenti sostitutivi prima di un tot di anni (convenzionalmente cinque).

In linea generale vale un principio che sarà bene tenere a mente: acquistare ricambi usati per la propria auto conviene quando il pezzo in questione:

  • non incide sulla sicurezza del veicolo;
  • non è soggetto a particolare usura o invecchiamento.

Spendere somme esorbitanti per procurarsi parti di carrozzeria, fanali, modanature, interni, cristalli e simili di fattura originale è decisamente superfluo in quanto si tratta di componenti che non vanno a inficiare lo standard di sicurezza del veicolo. Va invece evitato l’acquisto di ricambi usati quando gli stessi riguardano parti molto esposte al trascorrere del tempo.

Dunque è decisamente consigliabile fare questa scelta se siamo alla ricerca di dischi frenanti, pastiglie, batterie elettriche, pompe dell’acqua, ammortizzatori, braccetti, pneumatici.

Ultima modifica: 4 Ottobre 2019