Guida in stato di ebbrezza, i limiti per i neopatentati

200 0
200 0

Dopo aver superato l’esame della Patente, si può finalmente vivere in pieno tutto il piacere della guida. Dal 2011, però, sono previsti alcuni limiti di guida specifici per i neopatentati.

Quali sono i limiti per i neopatentati

Secondo la normativa italiana, il neopatentato è colui che ha conseguito la licenza di guida, per le categorie A2, A, B1, B, da meno di tre anni.

Nelle infrazioni c’è sempre una sanzione accessoria per il neopatentato: la multa ed i punti sottratti dalla patente sono raddoppiati, fino ad arrivare alla revoca del documento per almeno tre anni.

Chi ha la patente da poco ha il divieto di guidare mezzi con potenza specifica superiore a 55Kw almeno per il periodo di un anno, come prevede l’art.117, 2° co.bis CdS.

Articolo 117: limitazioni di velocità e per i neopatentati 

Secondo l’articolo 117 del Codice della Strada, gli automobilisti che hanno la patente di guida da meno di tre anni, devono rispettare minuziosamente i limiti di velocità massima imposti dalla legge per le patenti di categorie A2, A, B1 e B che è di:

  • 100 Km/h in autostrada;
  • 90 Km/h sulle strade extraurbane principali, ossia le statali;

Il neopatentato che viola tali disposizioni è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una multa per eccesso di velocità e alla sospensione della patente da 2 ad 8 mesi.

Guida in stato di ebbrezza: tolleranza zero per i neopatentati

Per il tasso alcolemico 0,5-0,8 g/litro sono previste multe da 543 a 2170 euro e sospensione della patente da 3 a 6 mesi. Per il tasso alcolemico 0,8-1,5 g/litro sono previste multe da 800 a 3200 euro, sospensione della patente da 6 a 12 mesi e arresto fino a 6 mesi. Infine, per il tasso alcolemico oltre i 1,5 grammi/litro sono previste multe da 1500 a 6000 euro e sospensione della patente da 1 a 2 anni, sequestro preventivo e confisca del veicolo

La guida in stato di ebbrezza è un reato e comporta la perdita di 10 punti della patente, con severe sanzioni (articoli 186 e 186 bis del Codice della Strada).

Nello specifico, per i neopatentati vale la regola del tasso alcolico zeroex art. 186 bis, 1° co. C.d.S. infatti nei primi tre anni dal conseguimento della patente B e fino al compimento dei 21 anni di età, è vietato guidare dopo aver assunto bevande alcoliche. La norma riguarda anche i guidatori professionali in genere.

Ultima modifica: 16 Dicembre 2022