Camion a metano: cosa sono e come funzionano

14672 0
14672 0

Abbattere le emissioni di CO2 in atmosfera, ridurre i consumi e anche il costo carburante ma mantenere intatte le prestazioni sulle lunghe percorrenze. Sono in genere le esigenze riscontrate in chi si rivolge a veicoli di fuel, o semplicemente a metano.

Grazie ai camion a metano liquido oggi anche la categoria degli autotrasportatori può prendere in considerazione questi elementi e ottenere ottimi risultati.

Camion a metano liquido: tra tecnologia e innovazione

E’ una tecnologia innovativa, che non prende spunto dalle vetture, ma dal mondo delle corse. Ed è una tecnologia sviluppata tutta in Italia, che si sta affermando, purtroppo molto lentamente, che prevede l’installazione di un sistema di alimentazione a metano liquido anche su camion di vecchia generazione.

I risultati mostrano un abbattimento dei consumi del 15 per cento e una riduzione della spesa per il carburante tra il 15 e il 20 per cento. L’investimento iniziale è ancora una po’ elevato.

Per avere una camion a metano liquido occorrono all’incirca 12mila euro. E’ una tecnologia complessa, sviluppata intorno al motore diesel, che a differenza di quello a benzina non dispone di candele, ma ha un’iniezione diretta che comporta una accensione per compressione.

Un bel problema, perché il metano liquido si innesca a 537 gradi, mentre l’accensione del diesel avviene a temperature di gran lunga più basse.

Camion a metano liquido, un risparmio su tutti i fronti

La soluzione per ovviare a questo problema in un camion a metano liquido è nel raggiungimento di una miscela aria-metano, che in fase di accensione viene associata anche alla giusta quantità di gasolio per ottenere l’innesco. E la quantità di gasolio necessaria è davvero minima.

Sembrerebbe, spiegata così, una procedura molto semplice, in realtà è controllata da un sistema di sensori e da una centralina elettronica che determinano momento per momento le giuste quantità da miscelare.

Non c’è alcuna operazione lasciata all’uomo, tutto avviene elettronicamente, tenendo nella giusta considerazione anche le variabili della temperatura esterna e di altre condizioni. Anche la questione autonomia è superata, per la capacità di carico dei serbatoi studiati per camion a metano liquido.

Per avere un’autonomia di 750 chilometri è sufficiente una sola bombola, che può essere anche di 500 litri. Si risparmia in manutenzione, poiché la miscela aria-metano unita al gasolio riduce del 50 per cento i residui carboniosi.

L’unico grande handicap per la diffusione dei camion a metano liquido resta la rete di distribuzione del gas, attualmente davvero molto limitata e presente soprattutto al centro nord.

Ultima modifica: 5 Febbraio 2019