BMW R 18 Spirit of Passion: la versione art déco di Kingston Custom

3062 0
3062 0

BMW Motorrad presenta una nuova speciale creatura a due ruote per la serie SoulFuel, una collaborazione fra la casa bavarese e alcuni customizers selezionati. Parliamo della BMW R 18 Spirit of Passion, speciale reinterpretazione della bella cruiser BMW, firmata da Dirk Oehlerking, visionaria mente della carrozzeria Kingston Custom.

Oehlerking è celebre nell’ambiente del tuning per le rivisitazioni estreme. E le immagini della Spirit of Passion sembrano confermarlo decisamente. Ma Oehlerking ha ridimensionato la situazione: “La BMW R 18 è così perfetta che ho lasciato la tecnologia così com’è. Il telaio è originale al 100% ed è così sofisticato che niente dovrebbe essere cambiato”.

BMW R 18 Spirit of Passion 11
BMW R 18 Spirit of Passion (Foto: BMW Motorrad)

L’aspetto della moto, però, è stato cambiato eccome. La grande, avvolgente e morbida carenatura in stile art déco è il focus della customizzazione di Oehlerking, che dona alla BMW R 18 un’eleganza senza tempo.

Tutta la carrozzeria è stata rifinita a mano in desing Kingston, così come parafango e manubrio. Anche lo scarico è stato riadattato da Oehlerking, in stile Kingston Roadster, mentre la sella è stata recuperata dalla gamma di accessori universali in possesso del tuner. Sospensioni e serbatoio, come appunto il telaio, sono invece rimasti originali.

Leggi anche: Triumph Factory Custom: 2 nuove moto speciali

Originario di Hannover, Dirk Oehlerking ha già messo mano in passato a veicoli BMW. Diciassette delle creazioni speciali del marchio sono sue, fra cui la Black Phantom e la White Phantom. Nonostante l’esperienza con BMW, comunque, Oehlerking ha definito la riprogettazione della R 18 come un’impresa speciale. “Questo progetto” dice Oehlerking “è probabilmente il più impressionante di tutta la mia carriera. Significa molto per me – se non tutto in questo momento. La fiducia che BMW Motorrad ha riposto in me ancora una volta è estremamente importante. Sono molto grato per questo”.

Ultima modifica: 19 Gennaio 2021

In questo articolo