Subaru XV e-boxer, prova su strada. Ibrido mild hybrid plus

4212 0
4212 0

L’ibrido avanza in maniera inarrestabile e conquista anche la giapponese Subaru, brand di nicchia che ha sempre difeso la sua unicità nel panorama mondiale grazie al motore a cilindri contrapposti (boxer) e alla straordinaria tenuta di strada, favorita dalla trazione integrale.

SubaruXV e-BOXER

Leggi anche: Subaru Outback, tutta nuova, pronta a tutto. Wagon a ruote alte

Dopo la Forester l’elettrificazione coinvolge ora la XV e-Boxer, suv compatto particolarmente apprezzato da chi chiede la massima sicurezza su ogni tipo di fondo stradale, dalla neve all’off-road.

Il sistema prevede l’integrazione tra motore termico a benzina di 2 litri a 4 cilindri contrapposti e unità elettrica ospitata nella scatola del cambio e alimentata da batteria agli ioni di litio.

Si parte in elettrico e sempre in elettrico si possono percorrere, in determinate condizioni (strada pianeggiante e piede leggero sull’acceleratore), fino a 1,6 km.

Non è full hybrid, ma mild hybrid plus: il contributo dell’elettrico aumenta la coppia e riduce i consumi (-10%) e CO2.

Il maggior peso derivante dal sistema ibrido (+110 kg) toglie un po’ di brillantezza al motore, penalizzato anche dal cambio CVT (a variazione continua, ma con 7 rapporti virtuali) che non risponde in maniera rapida alla richiesta di maggiore potenza nonostante i 150 cv sviluppati dal motore termico con l’aggiunta dei 16,7 cv forniti dall’elettrico. La velocità massima resta però notevole (193 km/h) e l’accelerazione da 0 a 100 più che discreta (10,7”).

Leggi anche; Subaru Forester, quinto atto per il crossover tuttofare

Subaru XV e-boxer su strada e in off-road

Provata lungo strade tortuose sui colli bolognesi, la XV e-Boxer ha messo in mostra il pezzo forte del suo repertorio: il dinamismo che è il valore distintivo di Subaru. I tecnici giapponesi non hanno modificato l’estetica della nuova versione, ma si sono concentrati su rigidità del telaio (+100%) e torsionale (+70%) dimezzando il rollio.

Il risultato è una tenuta di strada entusiasmante. Promossa anche nell’off-road grazie alla notevole altezza da terra (22 cm) e all’angolo di uscita (28,6°) dagli avallamenti profondi.

Inserendo l’X-Mode si affrontano le discese più ripide con il freno motore controllando solo la traiettoria senza mettere il piede sul freno. La trazione integrale e l’aiuto del motore elettrico offrono un plus di potenza.

Sulla qualità della vita a bordo non c’è molto da aggiungere dal momento che XV ibrida ha mantenuto inalterate le qualità degli arredi della versione precedente.

Dal listino XV spariscono i diesel, resta solo in alternativa all’ibrido la versione con l’1.6 litri a benzina. Ma Kunichita Koshmizu, nuovo presidente di Subaru Italia, scommette che nelle vendite l’ibrido sarà largamente il preferito.

Roberto Mazzanti

Subaru XV e-boxer, la  galleria fotografica

Leggi anche: Subaru BRZ Final Edition

Ultima modifica: 23 Marzo 2020

In questo articolo