Insignia Grand Sport, comfort e tecnologia. Opel sempre più premium

3345 0
3345 0

Insignia è stata la portabandiera del nuovo corso Opel. Eletta auto dell’anno nel 2009, esibisce ancor oggi un design accattivante e prestazioni di valore assoluto. Il successo è nei numeri: 940 mila unità vendute nel mondo, 50 mila in Italia. Non è mai facile cambiare look a una vettura fortunata, ma Opel corre decisa verso il futuro con la sua nuova ammiraglia, la Insignia Grand Sport, che sarà affiancata dalla Sports Tourer, il classico modello familiare che ha fatto furore anche a Sud delle Alpi.

Un investimento da 500 milioni di euro per dare l’assalto ai marchi premium con una vettura di alta qualità a prezzo relativamente contenuto. Si parte da 30.250 euro e si arriva a 34.550, con quotazioni che restano sempre sotto la soglia del modello precedente.

Sulle strade intorno a Francoforte, e nella soleggiata campagna del Limburgo, abbiamo provato la Grand Sport nella versione diesel 2.0 da 170 cv con cambio manuale a sei rapporti. La nuova ammiraglia ha uno stile decisamente più grintoso e sportivo della prima versione. L’ archittettura E2 ha permesso di abbassare di 3 centimetri il telaio e la seduta del guidatore, con effetti importanti sulla linea da coupé della vettura e la ridistribuzione degli spazi interni, molto più comodi in entrambe le file di sedili.

Il peso della scocca è stato alleggerito di 175 kg (200 sulla Sports Tourer) grazie all’uso di acciai pressati e la rigidezza torsionale aumentata del 9%. Modifiche che rendono la nuova Insignia più agile, maneggevole e fluida nella guida e nell’impostazione delle curve. Il migliorato rapporto fra peso e potenza permette di valorizzare anche i nuovi motori tutti in alluminio. Il1.5 turbo benzina, il 2.0 diesel (entrambi con cambio manuale a 6 rapporti) e il 2.0 turbo AT8 a trazione integrale da 260 cv abbinato a un cambio automatico a 8 velocità.

Nata per le lunghe marce in autostrada, Insignia Grand Sport procede regale e silenziosa con una coppia che sale in modo graduale. Offrendo il meglio quando la vettura è lanciata. Gli interni sono curati nei minimi dettagli, i materiali di pregio. Gli spazi ampi e ben disegnati intorno al tunnel centrale pieno di contenitori a scomparsa.

Il progresso rispetto alla prima Insignia è più evidente nelle curve e nei percorsi tormentati. Dove il telaio ribassato e le sospensioni più rigide assicurano perfetta aderenza. In termini di consumi, la Grand Sport risparmia circa il 10% rispetto al modello precedente.

Insignia Grand Sport, la vita durante il viaggio

E migliora nettamente la qualità dell’elettronica di bordo. Con l’Opel Eye per mantenere la distanza dal veciolo che precede e i fari a led intelligenti. Che evitano di abbagliare l’auto che percorre la carreggiata opposta. Parabrezza e volante riscaldabile e sedili massaggianti sono fra le opzioni. Come il sistema Opel On Star con operatore dedicato contattatabile al telefono. Che guida i soccorsi in caso di incidente ma può anche prenotare hotel e trovare parcheggi.

Ultima modifica: 6 Aprile 2017

In questo articolo