FCA accelera, profitti a più 14%, Manley ora punta su Maserati

2179 0
2179 0

FCA ha fatto l’en plein ieri in Borsa, sull’onda dei risultati del secondo trimestre, strappando un +5%, per chiudere alla fine con un +2,87%. L’utile netto del gruppo ha messo a segno un +14%. Arrivando a sfiorare gli 800 milioni (793), malgrado il calo di 3 punti dei ricavi, a 26,7 miliardi.

E Mike Manley ha annunciato nuovi modelli di auto in arrivo di qui al 2023: le nuove Maserati attese sono dieci, tanto che il marchio dovrebbe tornare alla redditività nel 2020.

Rilancio Maserati

La questione Renault

Dopo il fallito tentativo di alleanza con Renault, Manley ha ribadito: «Siamo sempre aperti a opportunità, ma sopravviviamo anche da soli. L’alleanza con Renault era un’ipotesi interessante. Ma non è un passo obbligatorio per noi. Affinché i merger vadano a buon fine servono le giuste condizioni».

Il ceo di Renault, Thierry Bolloré, ha parlato di un interesse ancora vivo per l’alleanza e Manley ha replicato: «Non ho dubbi che un merger di tale natura avrebbe senso».

In merito ai conti, malgrado il calo dell’11% delle consegne a 1.157.000 veicoli, nel secondo trimestre Fiat Chrysler ha migliorato la marginalità. L’ebit adjusted (margine operativo netto senza fattori straordinari) è stabile a 1,527 miliardi. Con il margine al 5,7%, in rialzo di 10 punti base.

FCA - Renault Detroit Parigi Torino esamina

FCA ok in America, del Nord e del Sud

L’utile netto adjusted del periodo è salito del 2% a 928 milioni. «Sulla base dei forti risultati del secondo trimestre e delle iniziative attuate per mantenere questo slancio positivo, restiamo fiduciosi sul raggiungimento dei nostri obiettivi per il 2019». Ha detto Manley, soprattutto grazie alla «forte performance in Nord America e in America Latina».

Poi, parlando con gli analisti, Manley ha spiegato che nell’area europea e del Mediterraneo «continuiamo a fronteggiare molte difficoltà. Ma stiamo mettendo in campo azioni rigorose. Siamo impegnati per far tornare l’area ai livelli di redditività che abbiamo indicato».

Il manager ha insistito: «Non ci sono dubbi che la seconda parte dell’anno sarà impegnativa. Anche perché non sono previsti in Emea lanci di nuovi modelli». E ha aggiunto: «Il team dell’area ha fatto progressi soprattutto sul fronte dei costi. Abbiamo molto lavoro da fare».

Fiat Concept Centoventi
Fiat Concept Centoventi

Il Tridente tornerà a essere punta

Nel secondo semestre 2019, precisa una nota, il gruppo «sarà ancor più concentrato sulle aree meno forti. Tra cui Maserati, dove abbiamo rafforzato il team di leadership. Ed Emea, dove continuiamo a puntare a un aumento dei margini attraverso i benefici delle ristrutturazioni, una gestione ottimizzata dei mix dei canali di vendita. E strategie di prodotto mirate».

10 nuove Maserati entro il 2023

In particolare, per il marchio Maserati nel 2020 saranno presentate tre nuove versioni di Levante, Ghibli e Quattroporte oltre a una nuova sportcar. Nel 2021 saranno presentate tre nuove vetture, nel 2022 altre due e nel 2023 è prevista una nuova versione del Levante.

Elena Comelli

Davide Grasso, Chief Operating Officer di Maserati2
Davide Grasso, Chief Operating Officer di Maserati2

Ultima modifica: 1 Agosto 2019