Auto elettriche: la ricarica arriva direttamente dal marciapiede

463 0
463 0

Una rivoluzione silenziosa sta per sconvolgere il panorama della mobilità elettrica. La necessità di aumentare i punti di ricarica ha spinto il settore a cercare soluzioni innovative. Ma mentre le colonnine tradizionali, quelle goffe che invadono i marciapiedi, suscitano malcontento tra i cittadini, il gruppo tecnologico tedesco Rheinmetall ha presentato una soluzione sorprendente: il primo sistema di ricarica integrato nel cordolo del marciapiede.

Una rivoluzione invisibile

Questa soluzione rivoluzionaria è praticamente invisibile, fondendosi perfettamente con l’ambiente urbano senza arrecare disturbo ai pedoni. A differenza delle colonnine massicce e delle stazioni di ricarica veloce che richiedono costose infrastrutture energetiche, il sistema Rheinmetall sfrutta la rete urbana esistente, integrando il suo sistema di gestione all’interno del cordolo del marciapiede, proprio accanto alla strada. Grazie a questo geniale approccio, i veicoli elettrici possono essere ricaricati senza bisogno di stendere cavi lunghi e ingombranti.

La priorità del team del Rheinmetall Technology Center è stata quella di superare i limiti delle colonnine tradizionali senza intasare ulteriormente le strade. Il loro caricabatterie modulare può essere facilmente integrato nei sistemi di ricarica esistenti attraverso un protocollo aperto per i punti di ricarica. La potenza di ricarica raggiunge i 22 kW AC, garantendo prestazioni affidabili e veloci.

A differenza delle colonnine che richiedono spazi riservati e creano tensioni con gli altri automobilisti, il sistema in oggetto può essere implementato su interi isolati senza la necessità di aree dedicate. Con questo innovativo approccio, basta sostituire i cordoli esistenti con i moduli di ricarica e collegarli. Questo processo semplice e rapido consente alle città di rispondere alla crescente domanda di ricarica senza dover effettuare costosi investimenti iniziali o richiedere nuove autorizzazioni.

Ma le straordinarie potenzialità del sistema non si limitano alle strade urbane. Le aziende e i condomini possono adottare questa soluzione senza dover sacrificare spazio prezioso o creare conflitti negli spazi comuni. L’installazione di punti di ricarica diventa semplice e flessibile, consentendo di soddisfare la domanda solo dove è necessario, evitando così sprechi inutili e cattedrali nel deserto.

La mobilità elettrica sta per fare un balzo in avanti, grazie al sistema di ricarica integrato nel cordolo del marciapiede. Ora, le città potranno accogliere più veicoli elettrici senza compromettere il decoro urbano, e i pedoni potranno passeggiare in sicurezza senza il rischio di inciampare in cavi sospesi. È una nuova era di ricarica, che rende la mobilità elettrica più accessibile.

I pro e i contro

Purtroppo, come spesso accade, non è tutto oro ciò che luccica. Ecco perché abbiamo pensato di stilare una lista con vantaggi e svantaggi legati a questa nuova tecnologia.

Pro:

  1. Estetica e integrazione urbana: Il sistema integrato nel marciapiede risulta quasi invisibile e si fonde armoniosamente con l’ambiente circostante, preservando il decoro urbano e riducendo l’impatto visivo rispetto alle colonnine tradizionali. Ciò permette una migliore integrazione nel tessuto urbano e un minore impatto estetico complessivo.
  2. Spazio e riduzione dell’ingombro: L’integrazione nel marciapiede evita la necessità di dedicare spazi specifici per le colonnine di ricarica, consentendo un utilizzo più efficiente dell’area pubblica. Questo è particolarmente vantaggioso in aree urbane densamente popolate dove lo spazio è limitato.
  3. Sicurezza per i pedoni: Eliminando i cavi sospesi lungo i marciapiedi, il sistema integrato riduce il rischio di incidenti per i pedoni che potrebbero inciampare o intralciarsi durante le operazioni di ricarica. Ciò contribuisce a migliorare la sicurezza delle persone che camminano lungo le strade.
  4. Utilizzo della rete elettrica esistente: Il sistema integrato sfrutta l’infrastruttura elettrica urbana già esistente, riducendo la necessità di nuove infrastrutture e costi aggiuntivi associati. Ciò semplifica l’implementazione del sistema e favorisce una maggiore adozione della mobilità elettrica.

Contro:

  1. Capacità di ricarica limitata: A differenza delle stazioni di ricarica veloce o colonnine di ricarica più potenti, il sistema integrato nel marciapiede potrebbe offrire una capacità di ricarica inferiore. Sebbene possa essere adeguato alla ricarica di veicoli durante soste prolungate, potrebbe non essere ottimale per la ricarica rapida in situazioni di emergenza.
  2. Scalabilità e domanda: Mentre il sistema integrato nel marciapiede può essere facilmente implementato su isolati o strade specifiche, potrebbe essere necessario un aggiornamento significativo per soddisfare una domanda crescente. L’aggiunta di nuovi punti di ricarica richiede la sostituzione dei cordoli esistenti con i moduli di ricarica, il che potrebbe richiedere tempo e costi aggiuntivi.
  3. Disponibilità limitata: Al momento, i sistemi di ricarica integrati nel marciapiede sono ancora in fase di sviluppo e potrebbero non essere ampiamente disponibili sul mercato. Ciò potrebbe limitare la loro adozione immediata e la possibilità di beneficiare di tali sistemi in molte aree.
  4. Dipendenza dalla rete elettrica urbana: Sebbene l’utilizzo dell’infrastruttura elettrica esistente sia un vantaggio, il sistema integrato nel marciapiede dipende dalla disponibilità e dalla capacità della rete elettrica urbana.

Ultima modifica: 29 Maggio 2023