Aston Martin, in crisi il Marchio di James Bond

2876 0
2876 0

Befana amara per Aston Martin che inizia l’anno con un allarme sui risultati del 2019 e un crollo in Borsa (-16,5%). Emette altri 100 milioni di dollari di debito con un tasso a doppia cifra per finanziare il business. E continua le «discussioni» per trovare nuovi investitori. La situazione è di allarme.

Aston Martin DBS GT Zagato 21
Aston Martin DBS GT Zagato

Il produttore della supercar, famoso anche per essere l’auto di James Bond, che aveva già lanciato un profit warning con la semestrale, ha comunicato che «le sfidanti condizioni commerciali di novembre sono continuate a dicembre nel periodo di picco delle consegne. Risultando in vendite più basse, costi più alti e margini più contenuti».

Aston Martin DBX
Aston Martin DBX

Appesi al SUV

Il futuro a questo punto è appeso al successo del nuovo SUV DBX. Una vettura che andrà a concorrere con Bentley Bentayga e Lamborghini Urus. Con dimensioni importanti:  5,03 metri di lunghezza e 3,06 metri di passo, due metri di larghezza e 1,68 metri di altezza. E una massa di 2.245 kg. Il motore è il V8 4.0 biturbo di origine AMG Mercedes, ed eroga 550 CV e 700 Nm di coppia.

Leggi anche: DBX, il SUV sportivo di lusso

Ieri Rolls-Royce Motor Cars (gruppo Bmw) ha dichiarato di aver consegnato un record di 5.152 auto nel 2019 in oltre 50 paesi. Segnando un aumento del 25% rispetto al precedente massimo del 2018.

Aston Martin Valkyrie, la hypercar

Ultima modifica: 8 Gennaio 2020