Abarth 595 e 695, pack Competizione in regalo per il 60°

355 0
355 0

Sei decadi per Abarth 595. Nel mese di settembre di sessant’anni fa Carlo Abarth svelava la Fiat-Abarth 595, successivamente presentata al pubblico al Salone di Torino il 31 ottobre del 1963.

Abarth, grande esperto di motori e uomo d’affari mai banale, decise di distinguersi dalla massa offrendo, ai visitatori che affollavano i padiglioni di Torino Esposizioni, un coupon per un giro di prova sulla nuova creatura delle Officine di Corso Marche.

Due vetture e tre collaudatori furono messi a disposizione degli appassionati che, dopo lunghe code, poterono godere di un adrenalinico giro in collina, ricco di saliscendi. Il successo dell’iniziativa spinse Carlo Abarth a dichiarare che, a breve, sarebbero state prodotte le prime 1.000 vetture della Fiat-Abarth 595 destinate all’omologazione corsa.

Leggi ora: Abarth 695 Esseesse 2021, la prova su strada e in pista

Costruita sulla base della Fiat 500 D, modello che dal 1961 incontrava un crescente successo, la nuova Fiat-Abarth 595 se ne differenziava esteriormente per la vistosa calandra anteriore traforata tipo 850TC, dietro cui era alloggiato il clacson. A questa caratterizzazione si aggiungevano le scritte “Fiat Abarth 595” in metallo lucido su posteriore e su cofano, mentre sulla fiancata destra campeggiava l’orgogliosa affermazione “Campione del mondo”, con riferimento ai numerosi record detenuti dalle creazioni delle Officine di Corso Marche.

Altrettanto importanti, anche se non visibili da fuori, le differenze all’interno del corpo vettura: cilindrata maggiorata a 593.7cc, cilindri in ghisa speciale fusi in corpo unico, pistoni con cielo rialzato per una maggiore compressione, albero a camme più spinto e carburatore verticale Solex.

Ne risultava una vettura piccola ma particolarmente aggressiva e anche rumorosa, che si denotava per le performance caratterizzate da un 30% in più di potenza rispetto alla versione di origine, con 27cv a 5000 rpm e una velocità di picco di 120 km/h. Posizionata al prezzo base di 595.000 lire, la Fiat-Abarth 595 partì con una produzione di 70 unità al mese che presto divennero 250 per far fronte alla crescente domanda; intanto però, nel 1964, veniva lanciata la prima serie speciale denominata 595SS, che erogava 32cv e raggiungeva la velocità massima di 130 km/h.

Ancora più evidente la caratterizzazione sportiva, con i ferma cofano marchiati Abarth in gomma, lo stemma dello scorpione smaltato al posto della maniglia e la sigla SS su cofano anteriore e posteriore. E con questa serie nascevano i primi accessori a richiesta, tra cui cerchi in lega, volante sportivo a tre razze e tetto aerodinamico in plastica.

Come naturale evoluzione della 595, Carlo Abarth presenta al Salone di Ginevra del marzo 1964 la Fiat-Abarth 695 e 695SS. La prima, grazie a caratteristiche meno aggressive, è destinata alla città, mentre sulla SS non esistono dubbi: 38cv, 140 km/h, nuovo albero motore, asse a camme specifico, bielle alleggerite, diametro valvole maggiore, un prezzo base di 695.000 lire. Siamo davanti a una sportiva di razza.

Parallelamente al successo di queste elaborazioni, nacque anche il fenomeno delle cosiddette “cassette di trasformazione”, che permettevano di trasportare sulle vetture di serie Fiat le principali migliorie Abarth. Venduti dalla rete ufficiale, i kit contenuti nelle cassette offrivano tutto l’occorrente per trasformare una Fiat Nuova 500 in una Abarth 595 o 695, sia dal punto di vista meccanico che estetico: se ne raccomandava ovviamente il montaggio presso officine qualificate.

Abarth 595, per il 60° in omaggio il pack Competizione

Gli stessi valori fondanti del marchio promossi da queste progenitrici, prestazione e stile, sono oggi parte integrante del patrimonio della gamma Abarth che, oltre alla Nuova Abarth 500e, annovera Abarth 595 da 165 CV e un’ancora più performante Abarth 695 da 180 CV. Entrambi i modelli offrono prestazioni elettrizzanti, uno scarico ruggente e uno stile giocoso, ma audace.

Viene offerto in omaggio il il pack Competizione, del valore di 2.500 euro, con cerchi da 17 pollici nel disegno Supersport, sedili Sabelt con guscio in carbonio e il badge Competizione. Abarth 595 ha un prezzo da 26.800 euro, la 695 da 30.100 euro.

 

Ultima modifica: 4 Ottobre 2023