Hackathon con Continental, Magneti Marelli e Texa il 5 dicembre

2624 0
2624 0

Il Motor Show di Bologna si propone come punto di riferimento per gli appassionati di auto. E per tutta la community che gravita intorno alla mobilità. L’autoshow, i test drive, il racing, la passione per la pista attraggono centinaia di migliaia di visitatori. Cambiano i tempi e cambiano i modi di approcciare le proprie passioni. Magari guardando ad un futuro della mobilità più tecnologico, più sostenibile, più pulito.

Tra i protagonisti del cambiamento in atto, le nuove generazioni. Il cui contributo in termini di innovazione, connettività, tecnologia, servizi è chiave e diventa ancora più significativo. Se ha la possibilità di misurarsi in concreto con le aziende di riferimento del settore.

Motor Show si propone di dare il via ad un vero e proprio “mercato delle idee”. Creare una dimensione in cui le aziende e i giovani talenti possano entrare in contatto.
L’Open Innovation Hub è lo spazio di Motor Show dedicato al nuovo che verrà. Dove le università e le start up si proporranno con le loro progettualità. PoliHub, l’Innovation District & Startup Accelerator del Politecnico di Milano gestito dalla Fondazione Politecnico, realizzerà un Hackathon di grande spessore con il coinvolgimento e il sostegno di aziende leader nella filiera come Continental, Magneti Marelli e Texa.

La parole di Alessandro De Martino, amministratore delegato di Continental Italia

Questa attività è in linea con il nostro posizionamento strategico. Investiamo molte risorse a livello di gruppo in ricerca e sviluppo di nuove tecnologie e sappiamo che il futuro della mobilità sarà guidato da chi riesce a sostenere un’idea di progresso e un progetto di mobilità legato a sostenibilità, connettività e riduzione a zero dell’incidentalità. La valorizzazione dei nuovi talenti è la cosa più importante che questo paese deve fare per assicurarsi un futuro alla guida dei cambiamenti che stiamo iniziando a vedere. Dobbiamo produrre idee, brevetti, progetti, o saremo ai margini della sfida della mobilità del domani, relegati ad una funzione di assemblatori per la quale non saremo competitivi.”

Le parole di Ermanno Ferrari, Responsabile Business Excellence di Magneti Marelli e CEO di Automotive Lighting

Sulla scia del nostro primo hackathon realizzato proprio qui a Bologna nel 2014, siamo davvero lieti di supportare questa nuova sfida, che coinvolge su un tema tecnologico per noi centrale come la guida autonoma, quelli che saranno i futuri tecnici, ingegneri e innovatori. La passione, l’energia e la creatività degli studenti sono risorse straordinarie per la nostra azienda e per la società in genere, che vanno incentivate in tutte le forme e i contesti possibili, offrendo quindi ai giovani la possibilità di sviluppare e mettere alla prova il proprio talento”.

Le parole di Bruno Vianello, Presidente Texa

TEXA è da sempre vicina ai giovani. Come testimonia il celebre programma sociale Texaedu, patrocinato dal Ministero dell’Istruzione. E realizzato in oltre 50 scuole italiane e volto a fare crescere giovani meccatronici. Siamo perciò contenti di essere partner in questo Hackathon rivolto a giovani talenti, in un settore, quello della sperimentazione di idee innovative relative alla guida autonoma, che ci interessa molto. Siamo infatti convinti che la guida autonoma e la propulsione elettrica caratterizzano la mobilità del prossimo futuro. Tanto da avere realizzato una start up, TEXA Dynamics, proprio per approfondire questi argomenti. Auguriamo ai giovani partecipanti una leale battaglia dove emergano i migliori”.

L’Hackathon avrà luogo il 5 dicembre. E si tradurrà in una sfida a squadre che prevede la personalizzazione di un modellino telecomandato di vettura tramite una scheda Arduino programmata dai partecipanti, per la guida autonoma. Le auto girerarnno all’interno di un circuito di gara pre-definito.

L’obiettivo dell’iniziativa è stimolare la creatività e sensibilizzare i giovani alla programmazione software. E alla gestione dell’hardware tramite l’utilizzo di tecnologie innovative.

I partecipanti all’Hackathon, 6 team composti da un minimo di 2 a un massimo di 4 studenti al 4° o 5° anno di scuola superiore. O studenti universitari del triennio, avranno a disposizione un tempo massimo di 6 ore.

I team potranno iscriversi attraverso il sito del Motor Show.

 

Ultima modifica: 29 Novembre 2017