Pininfarina Battista: il modello di produzione debutta a Pebble Beach

1137 0
1137 0

Da più di due anni conosciamo la Pininfarina Battista, hypercar elettrica italianissima dalle prestazioni da capogiro. Ora la società Automobili Pininfarina ha finalmente annunciato lo svelamento ufficiale del primo modello di produzione, quello definitivo, pronto per il mercato. Il debutto avverrà a Pebble Beach, nel contesto della Monterey Car Week 2021 (6 – 15 agosto).

In attesa di poterla vedere dal vivo, Automobili Pininfarina ha pubblicato in anteprima alcune immagini con l’auto sotto un velo, con qualche dettaglio che spunta per farsi sbirciare. Dagli spiragli si può notare il corpo in fibra di carbonio a vista, con una livrea scura e dei cerchi in lega con finitura nera lucida dall’aspetto aggressivo e supersportivo.

Non ci sono ulteriori dettagli, ma a livello estetico ci si possono aspettare senza dubbio pochissime differenze rispetto ai prototipi di Pininfarina Battista visti fino ad ora. Ricordiamo che l’esemplare esposto sarà solo un esempio di come potrà essere una Pininfarina Battista in mano ai clienti: le possibilità di personalizzazione, infatti, sono davvero numerose.

Giusto per rinfrescare la memoria, la Battista, candidata a essere l’auto sportiva italiana più veloce e potente di sempre, è dotata di quattro motori elettrici alimentati da un pacco batteria da 120 kWh, in grado di promettere un’autonomia di circa 500 chilometri. La potenza combinata dei propulsori arriva a ben 1.397 kW, circa 1.900 cavalli, e 2.300 Nm di coppia. Tutti questi muscoli le consentono di scattare da 0 a 100 km/h in meno di 2 secondi. La velocità massima è di 350 km/h.

Della Pininfarina Battista ne verranno realizzati 150 esemplari, ognuno dei quali avrà un prezzo di partenza di circa 2 milioni di euro.

Alla Monterey Car Week, Pininfarina esporrà non solo il primo modello di produzione della Battista, ma farà debuttare per la prima volta negli Stati Uniti anche la Battista Anniversario, durante il Pebble Beach Concours d’Elegance.

Ultima modifica: 4 Agosto 2021

In questo articolo