Non solo Tesla, il fondo arabo vuole anche Lucid Motors

2226 0
2226 0

Non solo Tesla. Il fondo sovrano dell’Arabia Saudita sarebbe pronto a investire un miliardo di dollari anche nella start-up di veicoli elettrici Lucid Motors. La Reuters ha citato fonti che appunto indicano il possibile affare. L’investimento verrebbe compiuto da Public Investment Fund of Saudi Arabia (PIF).

Sarebbe già stato firmato un procollo d’intesa, sebbene nessuna delle due parti confermi. L’accordo vedrebbe il PIF investire inizialmente 500 milioni di dollari. La parte rimanente del denaro verrebbe iniettata nelle casse di Lucid Motors per non specificati progetti della start-up.

L’accordo sarebbe una conferma di come il fondo arabo stia cercando di diversificare i propri investimenti allontanandosi dal petrolio. È infatti della settimana scorsa la notizia che Elon Musk abbia intrattenuto colloqui per un possibile privatizzazione di Tesla che passerebbe sotto il controllo degli arabi. Musk ha addirittura parlato di un investimento da 72 miliardi, ma fonti interne al PIF negano che un accordo sia stato stipulato.

Lucid Air ancora in cantiere

Al momento il fondo ha solo acquisito un 5% delle quote di Tesla in Borsa. Nel 2016, Lucid Motors rivelò Lucid Air, il suo primo veicolo elettrico. L’auto però non è mai andata in produzione. Il piano era cominciare a produrla sul finire del 2018, ma la compagnia ha dovuto rivedere questo obiettivo perché non ha raccolto abbastanza fondi. Fra le possibili la ragioni, il fatto che Jia Yueting, che detiene il 20% delle quote, è anche l’a.d. di Faraday Future. Una fonte anonima avrebbe rivelato che Yueting ha una strategia distruttiva nei confronti di Lucid per impedirle di avere successo.

Ultima modifica: 22 Agosto 2018