Circuiti Canadesi: storia e tracciato di Mont-Trembandt

1334 0
1334 0

Ecco la storia, le informazioni e tutte le caratteristiche del circuito di Mont-Tremblant, uno dei più famosi circuiti canadesi.

La particolarità del circuito di Mont-Tremblant è che questo circuito è stato costruito nei pressi di una famosa stazione sciistica canadese. L’idea di realizzare un circuito motoristico nei pressi di questa importante località turistica, fu di un albergatore; quest’ultimo era un grande appassionato di competizioni e di motori. L’albergatore Leo Samsons, deciso a rendere la famosa località di sport invernali canadese, teatro di un famoso circuito motoristico, decise di acquistare alcuni terreni sui quali sarebbe stato realizzato l’impianto.

L’idea dell’albergatore Leo Samsons era quella di realizzare un impianto motoristico che avrebbe attratto ancora più turisti, nella già nota ed ambita località turistica invernale.

Andiamo dunque a ripercorre la storia del tracciato di Mont-Tremblant e ad illustrarvi tutte le caratteristiche del circuito, dandovi infine le coordinate su come raggiungerlo.

Leo Samsons fu la persona che ebbe l’intuizione di realizzare il circuito di Mont-Tremblant, nella famosa località sciistica canadese. L’obiettivo dell’albergatore, grande appassionato di motori, era quello di creare ancora più interesse per la località turistica, richiamando ancora più persone e creando ulteriori posti di lavoro. Il progetto venne dunque realizzato e presto si iniziarono i lavori di costruzione. Il circuito di Mont-Tremblant venne inaugurato il 3 agosto dell’anno 1964 (ovviamente oggi il tracciato si presenta non in questa versione).

Storia del tracciato

Inizialmente il tracciato di Mont-Tremblant venne inaugurato e realizzato solamente con la sessione detta North loop (parte prossima alla struttura dei box). La gara di inaugurazione disputata vide la vittoria del pilota canadese Ludwig Heimrath, al volante di una Cooper-Ford. Nel 1965 il circuito venne allungato (raggiunse la lunghezza di 4.265 metri). Con queste dimensioni il circuito fu in grado di ospitare nella stagione motoristica 1967-1968 i veicoli della massima serie Usac, e successivamente anche le gare di Formula 1.

In particolarità il circuito di Mont-Tremblant raggiunse il grande traguardo di ospitare le gare di Formula 1, che si tennero sul tracciato negli anni 1968 e 1970; le gare si alternarono tra il circuito di Mont-Tremblant e il circuito di Mosport Park. Tuttavia dopo il 1970, sul circuito di Mont-Tremblant iniziarono ad esserci dei problemi per quanto riguarda le competizioni relative alla Formula 1. I problemi erano principalmente rappresentati dalla collocazione remota del circuito che non risultava collegato in modo adeguato; inoltre vi era il problema dei numerosi pericoli ed insidie per le vetture monoposto della Formula 1 che gareggiavano su questo tipo di tracciato. Tutte queste criticità fecero si che vennero interrotte le competizioni di Formula 1 sul famoso tracciato canadese.

Dove si trova

La proprietà del circuito di Mont-Tremblant è cambiata nell’anno 2000, passando nella mani di Lawrence Stroll; quest’ultimo è un noto imprenditore che opera nel mondo dell’industria della moda. Lawrence Stroll, decise, nell’anno 2000, di investire un’importante cifra per adeguare il tracciato alle moderne normative di sicurezza, secondo gli standard imposti dalla Federazione Internazionale dell’Automobile. Le attività di ammodernamento e di adeguamento alle normative relative alla sicurezza furono operati dall’architetto Alan Wilson.

I lavori costrinsero la chiusura del tracciato per due anni (stagione motoristica 2000 e 2001). La riapertura del circuito avvenne nel 2002. Dalla riapertura, fino all’anno 2005 il circuito ospitò la “Sei Ore”, competizione valida per il campionato Grand-Am; nell’anno 2007 il circuito di Mont-Tremblant ospitò inoltre una gara del campionato di ChampCar.

Oggi il circuito è diventato un punto di riferimento importante per moltissimi raduni di vetture storiche, che vengono organizzati presso la struttura, e ai quali partecipano ogni anno moltissimi appassionati.

Il circuito di Mont-Tremblant si trova nella località turistica di Mont-Tremblant, ai piedi della montagna omonima; in particolare, il circuito è situato nella piccola cittadina di Sainte-Jovite. Per questo motivo a volte il tracciato è anche definito di Sainte-Jovite. La cittadina si trova a 145 chilometri di distanza a Nord, dalla città di Montreal, all’interno dello Stato del Québec. La particolarità del circuito di Mont-Tremblant è che lo stesso è localizzato in una zona montuosa, caratterizzata dalla presenza di boschi fitti e paesaggi incantevoli.

Caratteristiche

In riferimento alle caratteristiche del tracciato di Mont-Tremblant, il circuito ha un lunghezza di 4265 metri e le curve sono 15. Subito dopo la partenza, il tracciato presenta una importante curva a destra, denominata curva Conner; a questa curva ne segue subito un’altra ancora più chiusa, sempre a destra, denominata curva le Diable. Quest’ultima curva prende il nome dal fiume omonimo, situato nei pressi del circuito di Mont-Tremblant. Subito dopo la curva le Diable, il tracciato prosegue con un susseguirsi di curve rapide a destra e a sinistra; poi un breve rettilineo ed un’altra curva a 180 gradi.

Dopo la curva di 180 gradi, denominata curva 8, i veicoli si immettono nel rettilineo principale della pista. Detto rettilineo, a circa metà della sua lunghezza, ha la particolarità della presenza di una piccola piega sulla sinistra, che costituisce appunto la curva 9. Tale curva si trova in cima ad un dosso che prende il nome di The Hump, sul quale le vetture in passato rischiavano quasi di prendere il volo (questa era la sensazione del pubblico). Terminato il rettilineo principale del tracciato, il circuito prosegue con una parte relativamente lenta; in questa parte del tracciato vi sono la curva 10, la curva The Gulk, la curva Bridge e infine la curva Kink.

Come raggiungerlo

I sopra citati lavori di ammodernamento del tracciato, realizzati negli anni 2001 e 2002, hanno tuttavia mantenuto pressoché inalterate le caratteristiche del tracciato. Oggetto dei lavori è stata principalmente la realizzazione di importanti vie di fuga per i veicoli, ai fini di garantire la sicurezza dei piloti. Sono inoltre state realizzate nuove barriere e un allargamento a 11 metri di tutta la sede stradale, lungo tutto il perimetro del circuito. Il dosso The Hump è stato notevolmente ridimensionato per evitare l’effetto dei veicoli che prendono il volo. Infine è stata aggiunta una chicane, alla fine della lunga prima curva della pista.

Per raggiungere il tracciato di Mont-Tremblant, bisogna percorrere lo stato del Québec a Nord della città di Montreal per circa 145 chilometri. Raggiungerete la piccola cittadina di Sainte-Jovite, nei pressi della famosa montagna di Mont-Tremblant, una nota località turistica per lo sci e gli altri sport invernali.

Ultima modifica: 9 Luglio 2018