Valvola egr rotta: sintomi e conseguenze

325870 0
325870 0

La valvola egr fa parte di un gruppo di componenti auto importanti. Scopriamo quali sono i sintomi, le cause e le conseguenze di una valvola egr rotta.

La valvola egr rotta può essere la conseguenza di una cattiva manutenzione della stessa. Infatti la valvola tende a sporcarsi frequentemente a causa del suo stretto contatto con i gas di scarico.

I primi sintomi di malfunzionamento possono essere molteplici e colpiscono direttamente il motore. Questi problemi possono essere rilevati direttamente dalla spia gialla di “controllo avaria motore”.

Per prevenire la valvola egr rotta è utile pulirla con appositi additivi chimici, anche se a volte può non bastare.

Ricordiamo che la valvola non è un dispositivo isolato, ma fa parte di un gruppo di componenti (gruppo egr). Oltre all’omonima valvola, comprende altre elettrovalvole di comando, tubi e cavi, Su alcuni motori il gruppo include due valvole egr.

Sintomi valvola egr rotta

 

I sintomi di valvola egr rotta possono essere diversi. Prima di elencarli però ricordiamo la sua funzione.

Lo scopo fondamentale della egr (Exaust Gas Ricircolation) è quello di ridurre l’inquinamento facendo ricircolare parte dei gas di scarico per abbattere gli ossidi di azoto in uscita verso la marmitta.

Purtroppo, l’egr dei diesel ha la pessima tendenza ad imbrattarsi e ridurre il suo diametro o peggio, tapparsi completamente. La causa è da ricercare nel fatto che il gasolio ha lo scarico con particolato.

L’uso di gasoli a basso tenore di zolfo invece, aiuta a ritardare l’imbrattamento dato che normalmente hanno un indice di cetano superiore al cosiddetto gasolio normale e quindi bruciando meglio generano meno particolato.

Detto questo, adesso  passiamo ai sintomi che può dare una valvola egr rotta. Potete notare la potenza ridotta in accelerazione, la scarsa propensione allo scatto, la spia avaria iniezione accesa e il “minimo” irregolare.

Inoltre una valvola egr guasta non permette il ricircolo dei gas di scarico, causando un aumento delle emissioni di sostanze inquinanti della vettura. Inoltre, un motore può iniziare a singhiozzare, ad avere dei vuoti. Insomma, a non rendere più bene come prima.

Un malfunzionamento della valvola egr può causare diversi problemi. Elenchiamo due casi:

  • La valvola rimane sempre aperta, il risultato è che arriva meno aria fresca al motore;
  • La valvola rimane chiusa in quanto intasata da inquinamento o altre cause da identificare prima della sostituzione.

Cause

 

Non è raro che la valvola egr sia soggetta a malfunzionamenti. Ciò avviene a causa dello stretto contatto che ha con i gas di scarico, quindi di conseguenza si sporca molto facilmente.

Si riscontrano malfunzionamenti della valvola soprattutto nei piccoli diesel, dove l’utilizzo prevalentemente cittadino penalizza la funzione. In particolare sulle auto a gasolio che percorrono brevi tratti e che quindi non hanno ancora il motore a temperatura.

Il malfunzionamento della valvola egr viene spesso segnalato dalla spia gialla “controllo avaria motore”. Questo accade in quanto il sistema di iniezione va in tilt, cioè non riesce più a lavorare rispettando i parametri del programma.

A seconda del tipo di motore l’egr è implementato diversamente e ha effetti diversi sul sistema di propulsione. Sui motori di concezione più vecchia sui quali fu integrato l’egr, questo causava un leggero calo di potenza ed un leggero aumento di consumi. I motori moderni sono invece concepiti e progettati per lavorare con l’egr per cui questo componente è divenuto fondamentale per il corretto equilibrio nel funzionamento del motore.

Se volete risolvere risolvere il problema della valvola egr sporca, è possibile pulirla con prodotti chimici specifici. Purtroppo, a volte non sempre è sufficiente. Infatti, in alcuni casi è bene pensare a una eventuale sostituzione.

Inoltre, è anche possibile escludere il lavoro della valvola egr ma si tratta di una pratica illegale. E tra le altre cose comporta anche l’incremento delle emissioni di ossido di azoto.

Conseguenze

 

L’egr puo’ guastarsi anche a livello elettrico. Questo spesso capita come conseguenza in quanto dapprima la fuliggine blocca la valvola. Poi, il solenoide puo’ bruciarsi. In ogni caso la diagnostica ha il codice di allarme per ciascun tipo di guasto. Adesso vediamo come controllare da soli i problemi che comporta il malfunzionamento della valvola egr. Questa operazione deve essere effettuata da persone esperte, con una buona manualità e un ampio bagaglio di conoscenze nel settore.

Iniziamo subito col dire che alla valvola è collegato un comando elettronico proveniente dalla centralina. In genere i fili sono 2 ma le dimensioni del connettore variano. Quest’ultimo se è ostruito da piccoli pannelli o altre cose potete rimuoverli per agevolare il lavoro e scollegare quindi il connettore.

Controllate con un tester la resistenza della valvola utilizzando lo stesso connettore della egr. Coprite quindi con del nastro il connettore per evitare che entri polvere e sporcizia. Acquistate poi una resistenza da 5W con valore in Ohm pari a quello appena misurato. La procedura adesso richiede un pochino di manualità ma non è per nulla difficile.

I passaggi fondamentali:

  • Tagliate un cavo (di quelli comuni da corrente) di una lunghezza tale da permettervi di collegare ad una estremità il connettore egr che proviene dalla centralina alla resistenza acquistata posta in una posizione protetta;
  • Collegate quindi 2 faston ad una delle estremità del cavo mentre all’altra saldate la resistenza;
  • Una volta saldata bene la resistenza isolarla con del nastro isolante o meglio con la gomma termorestringente. Riposizionate quindi il cavo collegandolo al connettore e fissatelo con delle fascette. Fate questa azione seguendo il percorso, in modo da evitare che venga a contatto con parti in movimento del motore o comunque con parti troppo calde;
  • Adesso che il cavo è in posizione isolate e fissate anche i contatti presso il connettore. I faston, infatti, con le vibrazioni prodotte dal motore in moto potrebbero fuoriuscire dalla sede. La polvere a sua volta potrebbe infiltrarsi compromettendo il corretto funzionamento;
  • Una volta terminata la procedura rimontate eventuali parti spostate per agevolare il lavoro.

Adesso che abbiamo “emulato” la valvola egr possiamo provare a mettere in moto il motore controllando prima che non appena si accenda nel quadro strumenti non vengano visualizzati errori strani.

In tal caso evitate di mettere in moto e ripristinare la connessione originale. Se l’errore perdura scollegare la batteria, attendere almeno 10 minuti e ricollegarla.

Ultima modifica: 28 Agosto 2017