Tappetini auto rotti, dove buttarli

24933 0
24933 0

Nell’era del riciclo consapevole quasi tutti ci chiediamo di qualsiasi oggetto quando è arrivati alla fine del suo ciclo di utilizzo: “e questo, dove lo butto?” Spesso si fa una gran confusione e si corre il rischio anche di fare qualche danno nonostante le categorie per il riciclo o lo smaltimento siano ormai estremamente ampie e molto chiare. L’umido raccoglie i residui alimentari e tutto ciò che è biodegradabile, la carta ospita giornali vecchi, cartoni e confezioni alimentari non composite; plastica e lattine possono stare assieme e sul vetro è difficile fare confusione. Tutto quello che non rientra in queste categorie deve essere destinato al cosiddetto indifferenziato.

I tappetini auto spesso sono composti di più materiali: la soluzione è l’Ecocentro

Uno dei grandi dubbi riguarda tutti quegli oggetti che risultano composti in modo diverso: una parte di tessuto, un’altra di plastica o anche di gomma. I tappetini auto rientrano proprio in questa tipologia di prodotti: indicativamente ogni proprietario di auto cambia i tappetini della sua macchina, soprattutto quelli anteriori, ogni due anni. È evidentemente che si tratta di una media tagliata in modo un po’ grossolano: molto dipende dai gusti delle persone, da quanto si usa l’auto ma soprattutto da quanto si sporcano i tappetini che possono essere lavati e rilavati ma alla fine dopo un certo utilizzo perdono la propria funzione e tendono a diffondere in tutto l’abitacolo un odore fastidioso.

Dunque occorrerà acquistare dei tappetini nuovi! E quelli vecchi? Dove devono essere smaltiti? Il buon senso direbbe nel sacco della spazzatura indifferenziata: in realtà le regole e i consigli delle aziende che si occupano proprio della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti indicano di portare i tappetini ormai vecchi all’Ecocentro. Ogni comune, anche quelli più piccoli, ne ha almeno uno. Alcuni l’hanno ribattezzato Ecopiattaforma, altri Isola dello smaltimento o del riciclaggio ma alla fine si tratta di un’area ben precisa nella quale tutti i rifiuti che non possono essere smaltiti nei pressi della nostra abitazione devono essere destinati.

La scelta dell’Ecocentro si rende necessaria perché una parte dei tappetini potrebbe essere riciclabile, soprattutto se è in tessuto, ma un’altra se è in gomma non può andare nella plastica e deve essere smaltita a parte. L’Ecocentro, che per altro è incaricato anche di raccogliere materiale inerte a rischio come le batterie, l’olio esausto o i neon, ha sempre personale incaricato disponibile a indicare l’area giusta nella quale abbandonare i nostri rifiuti da smaltire.

Ultima modifica: 20 Giugno 2019