Tagliando auto: quanto costa e quando farlo

128823 0
128823 0

 

Cos’è il tagliando auto

Il tagliando auto, operazione fatta in officina meccanica di controllo e sistemazione che va effettuata a scadenze più o meno regolari sull’automobile al fine di garantirle efficienza e funzionalità nel tempo. Nello specifico il tagliando può essere semplice o via via sempre più complesso a seconda di quante e quali operazioni si vanno ad effettuare sul veicolo. Ad esempio, se nel tagliando di un’automobile con alimentazione benzina si effettuano controlli sui liquidi di funzionamento dell’auto (servosterzo, freni, lavavetri, radiatore etc..), cambio dell’olio e del relativo filtro e sostituzione delle candele, stiamo parlando di un tagliando abbastanza semplice e basilare.

Nel caso in cui ai precedenti interventi si vanno ad aggiungere ad esempio la sostituzione del filtro dell’aria, la sostituzione delle pastiglie dei freni o la sostituzione della cinghie di servizio, si sta parlando di un tagliando di una certa complessità.
Comunque sia composto, in maniera semplice o complessa, il tagliando va a creare condizioni di funzionamento dell’auto ottimali, tentando di scongiurare danni gravi alla meccanica stessa dovuti ad incuria e garantendo nel corso del tempo tutte quelle che funzioni basilari per la circolazione sicura su strada dell’auto.
Molte volte il tagliando viene confuso con la revisione che, pur consistendo in buona sostanza in controlli sull’auto, ha finalità e natura differenti dal tagliando. A cominciare dal fatto che la revisione è legalmente obbligatoria, il tagliando è consigliabile farlo ma non obbligatorio per legge in senso stretto.

Quanto costa

Rispondere alla domanda che chiede quanto costa un tagliando non è una cosa semplice. Abbiamo distinto tagliandi semplici da tagliandi più o meno complessi, ma non è ancora facile rispondere alla domanda. Se poi mettiamo in conto che ogni casa automobilistica ha il suo tariffario ed ogni auto viene distinta anche per il suo livello, la cosa si fa complessa. Ma tentiamo di dare delle linee di massima.
Poniamo un esempio base: auto benzina utilitaria 1.2, primo tagliando (1000 km), controllo liquidi , olio filtro e candele, nel caso di una utilitaria le case automobilistiche di medio livello più o meno chiederanno 150 euro l’una per l’altra. Ma nel caso in cui si tratti di un’auto di livello superiore come marchio, con i medesimi controlli e la medesima cilindrata il prezzo salirà almeno a 250 euro.
Via via che si andrà incontro al secondo o terzo tagliando il prezzo salirà perché saranno inclusi ulteriori interventi ed operazioni.
Per auto di livello superiore il primo tagliando può costare anche 1000 euro ed oltre.
Via via che si effettuano il secondo, il terzo tagliando, i costi salgono in funzione della complessità dello stesso, che viene preventivamente decisa dalle case automobilistiche.
Fattore importante nella determinazione del prezzo è dove viene effettuato il tagliando. Centri autorizzati ufficiali delle case automobilistiche hanno tariffari più elevati delle officine autorizzate ma non ufficiali.

Quando farlo

Ma quando va effettuato il tagliando? Sarebbe meglio dire: i tagliandi. E bisogna fare delle distinzioni anche in questo caso. Poniamo il caso, a prescindere dal modello e dalla cilindrata o marca dell’auto, di un’automobile nuova con alimentazione benzina, quando si dovranno fare i tagliandi?
Il primo tagliando di controllo le case automobilistiche lo programmano a 1000 km, si tratta di una sorta di rientro di controllo in cui, salvo casi rari, non viene sostituito nulla ma solo controllato tutto.
Il secondo tagliando inizia ad essere diverso, includerà il controllo dei liquidi di esercizio, del filtro aria e delle candele, la sostituzione dell’olio motore e del filtro olio. Di solito le case lo programmano a 15000 km oppure al massimo dopo 2 anni.
Il terzo tagliando, da effettuare a 30000 km o dopo 2 anni dal secondo, diventa già un check-up abbastanza approfondito e comprenderà, oltre alla replica degli interventi effettuati in sede di secondo tagliando, probabilmente la sostituzione delle pastiglie dei freni, del filtro dell’aria, del filtro benzina e delle candele.
Tutti gli interventi di manutenzione programmata sono stabiliti dalle case automobilistiche in base al modello ed alle necessità dell’auto e sono diversi tra loro. Per esempio alcune case automobilistiche possono programmare per alcuni modelli la sostituzione della cinghia motore a 100.000 km, per altri a 60.000 etc.

E’ obbligatorio?

Anche questa è una domanda dalle molte sfaccettature. Si potrebbe dire sì e no. Più che obbligatorio, negli anni in cui l’auto è coperta dalla garanzia, viene “consigliato” dalla case automobilistiche di rivolgersi a centri ufficiali pena il decadimento della garanzia stessa.
Una volta scaduto il termine della garanzia ci si può rivolgere a qualsiasi centro di fiducia per effettuare i controlli periodici sull’auto.
In ogni caso resta comunque a discrezione del proprietario effettuare i tagliandi sin dal primo e qualora non lo ritenesse necessario è libero di non effettuarli. Non è consigliabile per il buon funzionamento dell’auto ma è possibile virare le proprie scelte in tal senso.

Altro da sapere

I tagliandi sono utili a scongiurare eventuali danni che potrebbero presentarsi dopo tempo dovuti solamente ad incuria in senso stretto. Le case automobilistiche tentano in ogni caso di tenersi stretto il cliente aumentando gli anni di garanzia in dotazione, che comunque si traducono in tagliandi da effettuare presso centri ufficiali pena la perdita della garanzia stessa. Purtuttavia, passato il termine della garanzia stessa è bene tenere sotto controllo il mercato. Sempre più officine meccaniche autorizzate offrono controlli periodici con prezzi sempre più competitivi e ricchi di contenuti sempre più disparati. Come ormai succede in ogni settore del mercato, anche per quello dei tagliandi, i periodi di offerte sono speciali e includono anche sostituzione gomme, spazzole tergicristalli e quant’altro. Sono sempre più frequenti ed è consigliabile tenerli d’occhio se si vuole mantenere l’auto in perfetta efficienza e magari si punta a risparmiare qualcosa.
Anche la tecnologia viene interessata in tal senso, sempre più app per smartphone o siti internet specializzati, dove cercare l’intervento di cui si necessita e le relative offerte di prezzo tra cui scegliere.

Ultima modifica: 30 Marzo 2017