Fuoristrada: cosa sapere sulla guida off-road

10046 0
10046 0

La guida fuoristrada non è uguale a quella su strade asfaltate, presuppone mezzi diverse e conoscenze specifiche per potersi divertire in sicurezza.

Si tratta dell’esatto opposto della guida sulle strade dove le performance possono essere inquadrate in ambito di velocità e prestazioni. La guida off – road concentra guida al limite, terreni talvolta impossibili da affrontare ma condivide con la guida veloce su strada quella che è l’adrenalina.

Quello che differenzia totalmente la guida off – road dalla guida su strada è la diversa concezione che si ha della potenza. Nella guida veloce la potenza ha una espressione che riguarda quasi esclusivamente la maggiore velocità possibile e raggiungibile; nella guida fuoristrada la velocità diventa talvolta assolutamente relativa, conta molto di più una potenza espressa come coppia pura e semplice, come forza in senso stretto.

Innanzitutto una delle prime cose da sapere è quella di avere l’auto giusta a disposizione. L’errore più grande è pensare che un suv sia adatto alla guida in off – road, non è sbagliato del tutto ma in gran parte si e spieghiamo perché.

Un suv nasce dall’idea di unione della comodità di una berlina e lo spirito avventuroso di un fuoristrada è vero, quindi paradossalmente dinnanzi ad un po’ di fango o a una strada di campagna sicuramente sarà affidabile come su un’autostrada. Ma un suv ha i suoi limiti, come dire: può farlo ma non è nato per questo in maniera esclusiva.

Un esempio lampante da apportare è quello di un moderno smartphone, può far tutto è vero, può sostituire in mobilità un computer, ma non è un computer e i limiti ci sono.

Quindi l’auto ideale per la guida off – road è un vero fuoristrada 4 x 4 con tanto di ruote grosse tassellate e potenza ‘lenta’ da camion vero e proprio. Talvolta su alcuni modelli è presente anche la possibilità di variare l’assetto.

In queste auto la concezione che riguarda la costruzione è totalmente diversa: il telaio è dotato di balestre che coadiuvano gli ammortizzatori e non si trova direttamente collegato con la scocca, come sulle auto ‘tradizionali’.

In queste auto è presente un riduttore di cambio, meglio conosciuto in gergo come ‘marce ridotte’, marce che accorciano i rapporti del cambio e forniscono velocità minime ma massima potenza quando serve.

Per chi si vuole avventurare nell’off – road uno dei migliori consigli è quello di iscriversi ad un club che organizza uscite e eventi; c’è la possibilità di essere coadiuvati lungo i percorsi affrontati e imparare tanto con la sicurezza di avere una mano di aiuto nelle situazioni difficili.

Ultima modifica: 9 Agosto 2017