Drag Reduction System, cos’è e come funziona

6714 0
6714 0

Il Drag Reduction System, in sigla Drs Formula 1, è un apparato che fu introdotto per la prima volta nel campionato del mondo di Formula 1 nella stagione 2011.

Il suo scopo è essenzialmente quello di diminuire la resistenza aerodinamica all’avanzamento e quindi favorire i sorpassi tra le auto che disputano i gran premi di Formula 1.

Si tratta, in altre parole, di un espediente tecnico inteso a restituire un po’ di spettacolarità a una formula automobilistica che negli ultimi anni si è andata sempre più impoverendo di emozioni e di sorpassi, trasformandosi più in una gara per ragionieri che in una passerella di spericolati talenti della guida.

Drs Formula 1

Il Drs Formula 1 consiste di un’ala regolabile collocata sull’ala posteriore delle monoposto. Quando è aperta, essa permette di diminuire in maniera sensibile la deportanza, il che consente un apprezzabile aumento della velocità della macchina, con una maggiore possibilità, quindi, di superare in sorpasso le auto che precedono. Per converso, quando è chiusa l’ala del Drs permette alla macchina di guadagnare una maggiore aderenza (un maggior “grip”), il che è utile soprattutto quando si tratta di affrontare curve lente.

Va sottolineato che l’impiego del Drs Formula 1 non è costante, durante una gara del massimo torneo motoristico mondiale.

Come regola generale, va ricordato innanzitutto che il Drs non può essere usato fintanto che la macchina che segue non si venga a trovare a meno di un secondo di distacco da quella davanti, sempre che ci si trovi nella “zona Drs”.

Dopodiché l’apparato viene disinserito in automatico quando la macchina è in frenata, anche se può essere disattivato a mano dal pilota. Inoltre il Drs Formula 1 viene disinserito quando scende in pista la cosiddetta safety car, ovvero la macchina di sicurezza (per esempio in caso di incidente che abbia lasciato della auto danneggiate in pista), dietro alla quale si devono allineare tutte le vetture tenendo la posizione che occupavano al momento del suo ingresso nel circuito (salva la possibilità di sdoppiarsi per chi ha subito un giro o più di distacco dal primo della corsa).

Il Drs va inoltre disingaggiato quando c’è bandiera gialla nella cosiddetta “Drs zone”. Infine l’ala non può essere impiegata quando la macchina monta gomme da bagnato.

È da ricordare che nella stagione 2012 si stabilì che il Drs potesse essere impiegato su pista bagnata previa autorizzazione del direttore di gara, sempre che il suo uso non incidesse sulla visibilità.

Giudizio sull’impiego del Drs

Dopo otto anni di utilizzo crediamo si possa dire che il giudizio sull’impiego del Drs non possa essere pienamente positivo. I gran premi mostrano certo qualche sporadica punta spettacolare in più, ma ancora oggi non è raro assistere a gare che rimangono pressoché cristallizzate sulle posizioni guadagnate dai piloti nelle prove libere.

Basti pensare che molto spesso gli unici sorpassi che si vedono sono quelli che si riescono a fare grazie ai cambi gomme ai box.

Ultima modifica: 31 Maggio 2019