Dischi freno: quando cambiarli

5959 0
5959 0

I dischi freno sono più efficaci e sicuri di quelli a tamburo, ma vanno periodicamente sottoposti a controllo e sostituiti.Vediamo quando cambiarli.

I freni a disco sono dispositivi meccanici che consentono di fermare l’auto in modo sicuro ed efficace. Sono formati da un disco in acciaio o in ghisa vincolato alla ruota, frenato da un sistema a pinza che vi spinge contro un sistema di pastiglie. Queste stringono il disco da entrambi i lati e, creando attrito, rallentano e fermano le ruote a seconda di quanta pressione esercita il guidatore sul pedale. I freni a disco sono normalmente situati all’interno della ruota e vengono messi in azione tramite un impianto idraulico che, grazie a un liquido contenuto al suo interno, imprime alle pastiglie una spinta direttamente proporzionale alla forza esercitata sul pedale.

I vantaggi dei dischi

Rispetto ai precedenti freni a tamburo, i freni a disco, commercializzati a partire dal 1955, presentano numerosi vantaggi: si usurano meno, sono maggiormente efficaci su strade bagnate o scivolose, offrono una superiore capacità drenante, sono in grado di evitare il surriscaldamento della diverse componenti dell’auto. Per questo motivo, attualmente i freni a disco sono montati sulla quasi totalità delle automobili. La sicurezza e le migliori prestazioni apportare dai dischi, però, sono garantite solo se si effettua una costante manutenzione.

Manutenzione e sostituzione dei dischi

I freni a disco vanno dunque sottoposti continuamente a manutenzione poiché, quando si consumano, l’efficacia della frenata diminuisce in modo consistente, e ciò rappresenta un pericolo per la sicurezza di tutti. Mentre le pastiglie dovrebbero essere sostituite ogni 30.000 o 40.000 chilometri, o quando il loro spessore si riduce al di sotto dei 2-3 millimetri, i dischi, come regola generale, andrebbero cambiati dopo aver sostituito due volte le pastiglie, ogni 80.000 chilometri percorsi circa.

È comunque essenziale rivolgersi periodicamente a un’officina che si accerti dello stato di salute della nostra macchina, e in particolare dell’impianto frenante. Moltissime auto sono dotate di una spia sul cruscotto dell’auto che, se accesa, segnala un malfunzionamento dei freni a disco. Comunque, esistono molti sintomi che indicano che qualcosa non va con questa componente. Se il pedale del freno non funziona o la fa in maniera anomala, il livello di liquido dei freni nell’impianto diminuisce, l’auto vibra nel momento in cui si inizia a rallentare, è segno che i freni a disco sono usurati. Un altro segnale importante è il sibilo emesso dai freni: le pastiglie, infatti, lo producono poco prima di consumarsi completamente. Se si nota uno di questi segnali -anche senza che siano presenti subito- occorre procedere subito a un controllo per non compromettere la sicurezza propria e altrui.

Ultima modifica: 29 Giugno 2017