Cric: tutte le informazioni che devi sapere per usarlo

36458 0
36458 0

Il cric, o martinetto, è quell’utensile che serve a riparare in modo immediato i danni ad uno pneumatico. Scopri come usarlo e dove trovarlo.

Il cric: uno strumento che ogni automobilista dovrebbe essere in grado di utilizzare. Questo congegno rappresenta, di fatto, il mezzo più idoneo per provvedere al sollevamento dell’auto. Di norma, la conoscenza del martinetto e del suo utilizzo viene raccomandata per risolvere situazioni spiacevoli, come la foratura di uno pneumatico. In un caso di specie come questo, è sempre possibile ricorrere ai soccorsi che, d’altra parte, potrebbero impiegare molto tempo, mandando in frantumi la tua agenda giornaliera. In questa pagina, ti spiegherò come è fatto un cric, come utilizzarlo e dove trovarlo.

Cosa è un cric?

Il cric fa parte delle dotazioni di un’automobile, necessario per la manutenzione della vettura stessa. La sua funzionalità prevede il sollevamento del mezzo al fine di procedere con l’intervento. L’utilizzo del martinetto, infatti, non è limitato alla sostituzione dello pneumatico ma può risultare utile per svolgere altre operazioni.

Il cric è di due tipi: cric meccanico e cric idraulico. Entrambi sono composti da una leva che, con la pressione esercitata dal corpo, si alza e permette il sollevamento del mezzo. Il tipo meccanico viene azionato da una vite messa in movimento da una chiave o da una manovella. Il cric meccanico è la tipologia più comune presente nelle automobili tradizionali.

Per i mezzi più pesanti, come gli autocarri, il cric fornito in dotazione è di tipo idraulico. La struttura è molto simile a quello meccanico e viene azionato da una leva. In realtà, esiste anche una terza tipologia di cric, chiamato cric a carrello, dedicato agli esperti del settore e si può quindi trovare nelle officine.

Come e quando usare un cric?

L’utilizzo del cric, in genere, è legato al danneggiamento di uno o più pneumatici. Appena noti di aver forato, provvedi all’immediata sostituzione della gomma senza perdere tempo prezioso. Circolare con una gomma bucata implica un peggioramento del guasto che potrebbe innescare un effetto domino su tutta la macchina.

Se non hai più il cric fornito in dotazione della tua auto, le autofficine o le aree di servizio le hanno sempre nel loro assortimento. Per utilizzare il cric, avrai bisogno anche di una chiave per bulloni. Controlla quindi che sia fornita nel kit o dovrai procurartene una in qualche modo. Questa chiave è essenziale, in quanto servirà per azionare il meccanismo di sollevamento. Se devi acquistarne uno nuovo, controlla anche il peso supportato: tutti i cric non sono uguali e non tutti riescono a sostenere il peso della tua automobile.

Prima di arrestare il mezzo, verifica che la superficie sia pianeggiante, in modo da agevolarti con l’operazione. La fase successiva prevede l’allentamento dei bulloni della gomma. Aiutandoti con la chiave, svita leggermente i bulloni, senza rimuoverli. Questo potrai farlo una volta che lo pneumatico sarà sollevato. Prendi quindi il martinetto e posizionalo sotto la vettura, al lato della gomma danneggiata. Quando posizioni il cric fai molta attenzione: mettilo sulla scocca più solida, evitando la parte della lamiera più sottile che potrebbe deformarsi. Nelle auto più moderne si trovano già le posizioni di appoggio.

Ora fai forza sulla leva o sulla chiave per azionare il martinetto e procedere al sollevamento dell’auto. Questa operazione è abbastanza semplice da effettuare e non serve l’intervento di un tecnico. Appena la ruota è sollevata da terra, procedi alla rimozione dei bulloni svitati in precedenza. Adesso la ruota sarà libera da ogni resistenza e può essere estratta dal suo alloggiamento. Inizialmente, potrebbe essere difficile da estrarre, a causa dello sporco che potrebbe essere penetrato all’interno. Scuotila delicatamente e tenta fino a che non esce dalla sua sede.

E’ giunto quindi il momento di prendere la ruota di scorta, anch’essa fornita nella dotazione della macchina. Posiziona la ruota di scorta sul disco, prestando attenzione che ciascuna aletta corrisponda ai fori del disco. Ora blocca la ruota con una mano e con l’altra procedi ad avvitare i bulloni. Per fissare al meglio i bulloni, usa la chiave e stringi in modo che la ruota di scorta non esca dal disco durante il movimento della macchina.

La gomma è stata sostituita e puoi abbassare la macchina rilasciando il martinetto. Metti la gomma danneggiata con gli strumenti usati in macchina e riprendi a circolare. La ruota di scorta è una sostituzione temporanea dello pneumatico che ti permette l’uso della tua vettura, ma non può essere considerata come una nuova gomma. Rivolgiti quindi ad un rivenditore specializzato per procedere alla sostituzione immediata della gomma danneggiata.

Dove comprare e quanto costa un cric?

Come detto in precedenza, i cric fanno parte della dotazione di una macchina e la sua ubicazione dipende dal modello automobilistico. Per sapere la posizione precisa, controlla il libretto delle istruzioni e verifica anche il suo stato. Con il passare degli anni, il martinetto potrebbe essere soggetto a deterioramento, sebbene sia realizzato con materiali di qualità molto resistenti. Se per qualunque ragione, il cric non è presente nel suo scomparto, dovrai provvedere a comprarne uno nuovo. I cric possono essere acquistati in tutte le officine meccaniche o nelle aree di servizio presenti nella rete stradale.

Di notevole interesse sono anche i negozi online o le piattaforme e-commerce che offrono prezzi decisamente vantaggiosi. Tra questi, il sito più famoso e utilizzato a livello internazionale è Amazon, che offre un assortimento variegato e la massima affidabilità. Esistono tuttavia anche altri siti, come ebay o trovaprezzi.it che ti permettono di avere un buon servizio e costi molto accessibili.

In linea di massima, il costo di vendita di un cric non è molto elevato e ha una media compresa da 12 e 20 Euro. Il prezzo può ovviamente oscillare anche in base alla tipologia di mezzo. Un martinetto per una monovolume è meno resistente da quello utilizzato per un SUV e lo stesso vale per i cric idonei per gli autocarri.

Per chi desidera avere la massima praticità e velocità nell’operazione, è possibile trovare anche dei cric elettrici che non richiedono alcuno sforzo fisico, se non quello di estrarre la gomma danneggiata. In questo caso, i prezzi lievitano sensibilmente e possono superare anche la soglia dei 60 Euro.

Ultima modifica: 27 Settembre 2017