Cosa sapere sul GP del Belgio

978 0
978 0

Il GP del Belgio è una gara automobilistica di Formula 1 che nasce nel 1925 e che è stato inserito nel calendario del Campionato Mondiale a partire dal 1950. Questa gara viene considerata una delle più belle del Campionato, nonostante diversi problemi abbiano portato alla cancellazione delle edizioni del 2003 e del 2006.

GP del Belgio: la storia

Torniamo indietro nel tempo per parlare della nascita del GP del Belgio, considerata una delle gare più belle in assoluto. In Belgio, nel 1920, si decide di costruire un circuito su una strada pubblica di 9 miglia che collega le città di Francorchamps, Malmedy e Stavelot. Il primo circuito era caratterizzato dalla Masta Kink, ovvero una curva molto veloce e ripida, mentre oggi la sua fama si deve alla nota curva Eau Rouge-Raidillon.

Il primo GP del Belgio si è corso nel 1925 e a vincere è stato Antonio Ascari con la Alfa, ma la gara è stata inserita nel Campionato solo a partire dal 1950, quando la vittoria viene conquistata da Juan Manuel Fangio. Oggi la pista di Spa è lunga la metà rispetto alla prima e il circuito è stato chiamato Spa-Francorchamps.Il 19 giugno del 1960 è ricordato per essere un anno drammatico nella storia della Formula 1, perché durante una gara a Spa muoiono sia Chris Bristow che Alan Stacey, a pochi minuti di distanza l’uno dall’altro.

Il circuito di Spa

Il circuito di Spa-Francorchamps è il più antico e noto autodromo del Belgio, è situato vicino a Francorchamps, una cittadina ai confini con la municipalità di Spa, nelle Ardenne, e ospita il GP del Belgio di Formula 1. La curva dell’Eau Rouge è la più emozionante di tutto il percorso e percorrerla non è affatto semplice. Infatti, si tratta di una curva ripida in cui bisogna sterzare a sinistra, dopo una discesa e poi immediatamente a destra, all’inizio della salita.

Questa curva, costruita alla fine degli anni ‘30, rappresenta la fine di una serie di curve in salita, sia a destra che a sinistra, molto veloci e pericolose. Il nome Eau Rouge-Raidillon, significa letteralmente “salita rapida dell’Eau Rouge”, per via del fiume che scorre al di sotto della pista, e viene definita come “la curva dei coraggiosi” perché non tutti i piloti riescono a percorrerla ad alta velocità.

Le vittorie più belle

La Ferrari è la casa automobilistica che ha collezionato più vittorie sul circuito di Spa, con 14 successi, rispetto ai 12 della McLaren. Anche la Mercedes ha ottenuto dei grandi risultati, con tre vittorie dal 2015 al 2017 e sei pole position consecutive dal 2013 al 2018.

Michael Schumacher è il pilota con il record di vittorie a Spa-Francorchamps, ottenute nel 1992 e 1995, con la Ferrari nel 1996, nel 1997, nel 2001 e nel 2002. Il pilota Kimi Räikkönen ha ottenuto quattro vittorie, di cui tre consecutive dal 2004 al 2007 e nel 2009.

Lewis Hamilton ha vinto, invece, nel 2015 e nel 2017 e Nico Rosberg nel 2016. Sebastian Vettel ha portato a casa il titolo per ben due volte con la Red Bull, nel 2011 e nel 2013 e una volta con la Ferrari nel 2018. Lewis Hamilton ha ottenuto il record di pole position, ed è a quota cinque, precedendo Fangio, Prost e Senna.

Ultima modifica: 25 gennaio 2022