Carichi sporgenti in auto, come trasportarli in sicurezza

1953 0
1953 0

Secondo le statistiche uno degli elementi di maggiore pericolosità quando si viaggia sono i carichi sporgenti in auto spesso posizionati in modo sbilanciato, irregolare o non adeguatamente segnalato. Capita spesso di vedere in autostrada mezzi relativamente piccoli sovraccaricati con pesi eccessivi sia all’interno del veicolo che sul tetto. Sono proprio i carichi esterni quelli più pericolosi: a volte sono ancorati in modo inefficace e si potrebbero addirittura perdere per strada, altre sono coperti da teli che finiscono per diventare una vela, fare resistenza rispetto alla dinamica del viaggio della vettura diventando pericolosissimi per chi segue. Le sanzioni sotto questo aspetto sono molte e piuttosto frequenti.

Occhio al peso, sulle auto non si può trasportare qualsiasi cosa

Il fatto che le auto oggi siano sempre più capienti e che tra gli optional molto spesso offrano portapacchi in grado di caricare scatole, mobili, biciclette o sci non significa che la nostra auto possa diventare una sorta di autocarro a scapito della sicurezza nostra e degli altri automobilisti. Bisogna prestare sempre molta attenzione a cosa si trasporta e soprattutto a come lo si trasporta.

Oggi in commercio esistono comodissimi case rigidi, resistenti e a prova di freddo, pioggia e vento, che possono ospitare molti litri di massa in assoluta sicurezza. Queste valige supplementari si posizionano sul tetto dell’auto, assicurati alle sbarre portaoggetti in dotazione, o bloccate con potenti blocchi a calamita. Se si rispettano le indicazioni sul carico, senza eccedere sul peso, e i limiti di velocità non ci saranno problemi. La nostra vettura, spendendo qualcosa in più in termini di prestazione e di consumi (anche se i case sono quasi sempre aerodinamici) ci farà arrivare a destinazione senza perdere nulla e in assoluta sicurezza.

Carichi sporgenti: cosa dice il codice della strada

Diversa invece la questione che riguarda i carichi sporgenti: che si tratti di una bicicletta, regolarmente assicurata su un supporto omologato, o di un tubo, o un asse, appoggiata sul tetto ma con una evidente sporgenza sia rispetto al muso che al retrotreno della vettura bisogna procedere con alcuni supporti di sicurezza. Obbligatorio il riquadro con le strisce bianche e rosse per segnalare la sporgenza che deve essere minima rispetto ai contorni della vettura, non più di 30 centimetri.

Obbligatoria una segnalazione identica anche se il carico è posizionato all’interno della vettura ed esce dal portellone del bagagliaio (attenzione che in questo senso non ci siano ulteriori infrazioni al codice per la sicurezza di chi segue e di chi viaggia). Se non si ha la sicurezza di fare le cose secondo le regole meglio affittare un furgone che possiamo guidare anche con la patente B. Costerà comunque meno di una possibile sanzione che può arrivare fino a 400 euro.

Ultima modifica: 3 Febbraio 2020