Auto gpl: quanto consumano e quanto si risparmia

34640 0
34640 0

Acquistare un’auto GPL comporta sicuramente minori spese e costi in capo ai guidatori, per questo occorre valutare le caratteristiche peculiari nella scelta.

Sei indeciso e non sai se acquistare un’auto GPL o a benzina? Se vuoi risparmiare, non c’è ombra di dubbio che il GPL sia da preferirsi rispetto alle auto a benzina o a diesel.
Ma che cos’è il GPL? Acronimo di Gas di Petrolio Liquefatti, il GPL è un prodotto di raffinazione del petrolio, ed anche un Gas che viene estratto dai giacimenti petroliferi.
Si tratta di un idrocarburo costituito da propano e butano, conferisce ai veicoli ottime performance in termini di potenza e di buon funzionamento del motore.
Il GPL, rispetto alla benzina, consente di prevenire il logoramento del motore, consente di allungare la vita delle candele e dei pistoni e mantiene inalterate le proprietà dell’olio.

I GPL costano meno e consentono di ottimizzare al meglio le spese: un litro di GPL ha un onere di circa 0,6 euro contro l’1.6 euro della benzina. Come si può ben comprendere, è evidente che il risparmio sia subito evidente e notevole.

Il Consorzio EcoGas, rappresentativo del settore gas autotrazione, GPL e metano, ha effettivamente computato quanto si può risparmiare acquistando un’auto con alimentazione GPL.
Secondo i calcoli eseguiti, acquistando una vettura a GPL, rispetto ad una a benzina, si risparmia il 57%; se, invece, si confronta il dato con un veicolo alimentato a diesel, il risparmio è ascrivibile al 46%.
Per percorrere 100 chilometri con un’auto GPL, occorrono 6.7 euro contro i 16 euro che richiede un veicolo con alimentazione a benzina.
Ben si può comprendere come rifornendo la propria auto con soli 10 euro di carburante si possono percorrere 63 Km nel caso di un motore a benzina, e 149 Km per le auto a GPL.
Lo stesso Consorzio ha presentato in nota delle opportune precisazioni: “Date le diverse unità di misura e caratteristiche chimico-fisiche dei carburanti, sono stati applicati dei correttivi”: infatti, per il GPL si deve tenere conto di un consumo maggiorato del 15% rispetto alla benzina.

Per quanto concerne le emissioni inquinanti: per le auto a benzina, i due principali componenti che cagionano l’inquinamento sono gli ossidi di carbonio e quelli di azoto.
Il GPL emette ossidi di carbonio e di azoto di entità notevolmente inferiore rispetto alle auto con motori a benzina. Di qui, si comprende che le auto GPL siano da preferirsi rispetto a quelle a benzina.
Iniziando proprio a inquinare di meno, a razionalizzare i consumi, ad evitare sprechi di denaro e di risorse, si può davvero aiutare il Pianeta a diventare più green ed ecosostenibile.

Ultima modifica: 25 Luglio 2017