L’auto giusta per te, come sceglierla?

2273 0
2273 0

“Le domande che hanno senso nella vita sono poche e necessarie. Fatevi poche domande cui pensate di sapere rispondere”. Lo diceva Einstein che, considerando i risultati che ha ottenuto tutti i torti non doveva avere. Il suggerimento dello scienziato diretto anche all’uomo della strada era oltremodo semplice. Quando devi prendere una decisione fatti poche domande che siano davvero importanti per scegliere la tua auto giusta per te.

Come scegliere l’auto giusta?

Se viviamo da soli, ci piacciono gli sfizi e la guida sportiva e non abbiamo grandi problemi economici, c’è solo una risposta possibile per l’auto giusta. Coupé, magari due posti.  Ma se abbiamo una famiglia, un cane, andiamo in vacanza due volte all’anno e abbiamo bisogno di spazio bisogna puntare su spazio e comodità: e dunque station wagon, monovolumi o suv. La prima domanda che dobbiamo porci è quale sia lo scopo dell’auto cercando di essere il più obiettivi e oggettivi possibili: se non si vuole una crisi coniugale è bene presentarsi alla moglie con una macchina che sia in grado di sopportare anche le gite a casa dei suoceri e le domeniche al centro commerciale. E con un bel coupé due posti la cosa non è possibile.

Che budget ho?

A ogni auto giusta corrisponde anche un progetto di vita, o meglio una fase della nostra vita. Quello che abbiamo acquistato di seconda mano a vent’anni con l’aiuto di mamma e papà a cinquant’anni ci sembrerà una follia. Eppure per i nostri figli neopatentati andremo a scegliere esattamente la stessa cosa. Una macchina economica, facile da riparare, sicura che faccia tanti chilometri e consenta a chi guida di fare esperienza. Tutto dipende dai soldi: con gli anni c’è la possibilità magari anche di togliersi qualche soddisfazione. Ma ha davvero senso indebitarsi per una macchina che non corrisponde alle esigenze della vita che stiamo facendo? Calcolate quanti chilometri fate all’anno, che tipo di driver siete, se andate solo al mare o anche in montagna e se guidate tanto in città o per lo più in autostrada. Un’analisi semplice che vi guidi alla scelta migliore e più funzionale sulla base del budget che avete.

Le offerte, fidarsi ma fino a un certo punto

Le compagnie costruttrici investono moltissimi soldi nel marketing e nella scontistica: fanno di tutto per portare il potenziale cliente all’acquisto con offerte straordinarie, rate basse, modalità di pagamento stra dilazionato. Ma alla fine per quanto un’auto possa essere conveniente o costare poco è pur sempre l’auto che dovremo guidare per anni. Niki Lauda, grande pilota di Formula Uno scomparso recentemente diceva, “posso vestirmi male ma non potrei mai guidare una brutta auto”. Ecco, se paragoniamo l’auto a un vestito… andreste mai in giro vestiti di viola solo perché per indossare quel colore vi hanno fatto un bello sconto? Un’auto è pur sempre la nostra compagna di vita per molti anni… Mai guidare un’auto che non ci piace o che abbiamo comprato perché ci hanno convinto a farlo. Finireste per odiarla.

Ultima modifica: 26 Febbraio 2020