Car sharing: regolamento e norme per il parcheggio

8192 0
8192 0

Oggigiorno si sente sempre più parlare del fenomeno di car sharing. Questa espressone inglese indica la condivisione di un’automobile a seguito di una prenotazione. Il servizio è un vero e proprio noleggio dell’auto che viene pagato in base a una tariffa conteggiata a minuti o ore. Rispetto ai metodi tradizionali, il car sharing è divenuto uno dei metodi più diffusi per noleggiare una vettura, e con un notevole risparmio di denaro per chi ne usufruisce. Il vantaggio, tuttavia, è anche da parte del proprietario che mette a disposizione il proprio mezzo per altri individui che hanno problemi di mobilità, dietro pagamento del servizio.

Car sharing

 

Il car sharing è un servizio che, di norma, inizia e finisce in un’area di sosta. Al fine di potenziare i benefici degli utenti che sfruttano il car sharing, molti sono i vantaggi offerti ai membri di ogni singola comunità. Hai letto proprio bene…ormai esistono diverse possibilità di condivisione dell’auto che fanno capo a organizzazioni intente a diffondere il servizio nel maggior numero di città. Con la loro espansione, queste società hanno lo scopo di creare delle community dove chi usufruisce del servizio può installare una App sul proprio smartphone con cui prenotare le varie corse. Tra questi privilegi, ricordiamo l’utilizzo delle corse preferenziali, l’accesso gratuito alle zone ZTL e la sosta gratuita nei parcheggi a pagamento.

Car sharing roma

 

Roma, detta anche caput mundi, è interessata dalle principali società di car sharing, tra cui spiccano Car2go, enjoy, e Carsharing Roma, offerto dal Comune della capitale. Grazie alla sua struttura geografica, Roma offre una moltitudine di parcheggi, gran parte situati nelle zone del centro e in periferia. In tal modo, la capitale offre ai suoi abitanti e anche ai turisti di circolare con un’auto privata e, soprattutto a costi irrisori rispetto al prezzo previsto per il noleggio di una macchina.

Parcheggi car sharing

 

Chi usufruisce del servizio, come abbiamo detto, fa parte di una community i cui membri hanno l’esclusiva di usare i mezzi destinati a tale servizio. Chi non effettua l’iscrizione non può, ovviamente, beneficiare del car sharing e dei benefici ad esso legati. La corsa, in genere, inizia e termina in un’area di sosta per cui non è necessario pagare. Allo stesso modo, nei parcheggi a pagamento, sarà sufficiente esporre il cartellino che dimostra l’appartenenza alla società di car sharing (se non già presente sulla carrozzeria del veicolo) per non pagare la sosta, per tutto il tempo necessario. Comodo no?

Ultima modifica: 20 Novembre 2017