Marchionne: sì al Suv Ferrari, no alla vendita di Jeep

4719 0
4719 0

Marchionne dice sì al Suv Ferrari e no alla vendita di Jeep. Il presidente e amministratore delegato del Cavallino ha parlato ai giornalisti presenti a Wall Street. Marchionne si trovava alla Borsa newyorkese come tappa finale per le celebrazioni dei 70 anni della Ferrari.

Rispetto a qualche mese fa, quando paventò la possibilità, adesso è stato molto più chiaro. “Siamo decisamente seri nelle considerazioni di questo argomento“, ha detto Marchionne. “Dobbiamo trovare equilibrio nella rapporto fra l’esclusività e la mancanza di un prodotto del genere, per poi bilanciarlo con il desiderio di crescere allargando la gamma dei nostri prodotti“.

I tempi per arrivare alla produzione di quello che Marchionne ama definire Fuv, Ferrari Utility Vehicle, non saranno brevissimi. Si parla di una trentina di mesi. E gli esemplari saranno in numero limitato per mantenere l’esclusività del marchio.

Il presidente ha poi negata che FCA intenda privarsi del marchio Jeep. Ribadito anche il no a un affare con la Great Wall Motors per la vendita di FCA ai cinesi, come si era vociferato nei mesi scorsi. Il prossimo appuntamento per la Ferrari è la presentazione del nuovo piano quinquennale che arriverà al 2022. Nel primo trimestre del 2018 se ne conosceranno i dettagli. Con l’arrivo del Suv, si vocifera che l’obiettivo sia raddoppiare i profitti.

Ultima modifica: 10 Ottobre 2017