Alfa Romeo grande SUV, arriverà nel 2019: anche ibrido

19852 0
19852 0

Alfa Romeo grande SUV, arriverà nel 2019. Il terzo modello della rinascimento del Marchio del Biscione sarà sul mercato all”inizio del prossimo anno.
Dopo l’annuncio di Sergio Marchionne al Salone di Detroit, il programma di Alfa prosegue, anche se con tempi dilatati. Lo sport utility vehicle del Segmento E, con dimensioni intorno a 4,90 metri di lunghezza, ovviamente avrà la piattaforma derivata di quella di Giulia e Stelvio. Ovvero la Giorgio, pianale modulare dove sarà possibile l’applicazione della trazione posteriore e di quella integrale. In opzione ci sarà anche la configurazione a 7 posti.

Le parole del numero uno di FCA sono state chiare. “La sorella maggiore di Stelvio e la sorella minore di Levante avranno la priorità su tutto”.

Il nuovo modello quasi certamente adotterà il cambio automatico in esclusiva. Come la Stelvio che ha lo ZF a 8 marce. Per quanto riguarda i motori, l’adozione del diesel potrebbe essere dedicata al 2.2, con potenza di 210 cavalli o anche superiore e forse del V6 3.0 adottato da Maserati e Jeep Grand Cherokee.

Per i motori a benzina, il 2.0 turbo da 280 cavalli e la versione dotata del 2.9 V6 di origine Ferrari (quello delle versioni Quadrioglio di Giulia e Stelvio) pare scontata. Ma il pezzo forte sarà la prima Alfa Romeo ibrida.

 

Il grande SUV del Biscione, il cui nome è ancora segreto, sarà un mild hybrid. Un ibrido leggero di nome e di fatto, perché il contenimento dei pesi è indispensabile per garantire piacere di guida, prestazioni ed efficienza. Caratteristiche che un sistema plug-in non è in grado di garantire. In questo modo il nuovo modello peserà circa 200 kg in più rispetto alla Stelvio.

Alfa Romeo grande SUV: potenza di oltre 350 cavalli del modello mild hybrid

Come ha detto Roberto Fedeli, Chief Technical Officer di Alfa Romeo e MaseratiDobbiamo combinare la nuova auto con il giusto livello di elettrificazione. Il mild hybrid è una soluzione percorribile senza perdere in personalità della macchina. Con queste caratteristiche possiamo raggiungere una potenza tra i 350 e i 400 cavalli. E al simulatori i risultati sono niente male”. La formula è quella del 2 litri turbo benzina abbinato a un sistema a 48 volt e una turbina ad attivazione elettrica. Che garantirebbe anche un contenimento dei consumi del carburante. Bisognerà attendere un anno.

Ultima modifica: 18 Gennaio 2018

In questo articolo