Le strade che si riparano da sole e ricaricano le auto elettriche

4161 0
4161 0

Le buche che si creano nell’asfalto delle strade sono un grosso problema. Sia per i nervi (e in molti casi il portafogli) degli automobilisti, sia per le casse delle amministrazioni pubbliche. Ebbene, all’Università Tecnica di Delft, in Olanda, sono impegnati in un progetto molto interessante. Stanno infatti lavorando per sviluppare uno speciale asfalto auto-rigenerante, in grado di ripararsi da sé. Ma non solo: questo materiale potrebbe anche essere capace di caricare i veicoli elettrici, con sistemi di ricarica wireless.

FIBRE D’ACCIAIO
Il principio è per certi versi elementare. L’asfalto modificato è arricchito con una rete di fibre d’acciaio, che gli dona maggiori proprietà conduttive. Tale caratteristica permette di modificare il manto d’asfalto fornendogli semplicemente una grosso quantitativo di calore attraverso un macchinario a induzione (fondamentalmente un grosso magnete). Le fibre di acciaio e asfalto surriscaldate si rimescolano quindi fra loro, andando a tappare buchi e crepe. Il fatto che tale amalgama sia un buon materiale conduttore fa sì che si possa immaginare anche un sistema di trasferimento contactless dell’energia elettrica verso i veicoli, magari durante pause come in coda o al semaforo.

Leggi anche: Honda sperimenta un nuovo sistema di ricarica in movimento

PROSPETTIVE, VANTAGGI, COSTI
Al momento l’asfalto auto-rigenerante è stato testato su 12 diverse strade nei Paesi Bassi. Una di queste è in funzione e aperta al pubblico già dal 2010. Tutte appaiono ancora in perfette condizioni, ma il professor Erik Schlangen (uno dei ricercatori di Delft) sostiene che inizieremo a vedere i primi risultati ancora solo fra qualche anno. Stima, inoltre, che l’impiego del nuovo materiale risulterà circa il 25% più costoso dell’asfalto tradizionale. Un maggior costo bilanciato però da un raddoppiamento della vita media delle strade e da considerevoli minori costi di manutenzione. Sempre secondo Schlangen, se in Olanda tutte le strade fossero attrezzate con l’asfalto auto-rigenerante, lo Stato potrebbe risparmiare intorno ai 90 milioni di euro all’anno.

Ultima modifica: 9 Maggio 2017