Hyundai Kona Electric e Nexo, i test al Circolo Polare Artico

2009 0
2009 0

Hyundai ha testato i suoi più recenti modelli elettrificati, Kona Electric e Nexo, ai -35° del Circolo Polare Artico. Le prove sono avvenute allo Hyundai Mobis Proving Ground in Svezia. Una serie di test per garantire il corretto funzionamento dei veicoli anche quando le temperature sono estreme.

Il freddo così rigido, infatti, influisce negativamente su numerose funzioni dei veicoli elettrificati. Sulla capacità di avviamento, il controllo termico del powertrain elettrico, il riscaldamento e la ventilazione, oltre che sulla massima autonomia di guida. L’avviamento dei veicoli a idrogeno, ad esempio, è messo a dura prova a temperature fra -10° e -20°.

Nexo si avvia a -30°

Per superare questo limite, nuova Nexo introduce una nuova tecnologia che riscalda la pila di celle a combustibile se la temperatura scende sotto lo zero. Grazie a questa gestione termica intelligente, l’auto è in grado di avviarsi anche quando le temperature raggiungono i -30°C. Grazie a un nuovo sistema di ventilazione collegato alla pila, Nexo è in grado di prevenire – una volta spento il motore – la formazione di ghiaccio all’interno andando a rimuovere l’acqua prima che questa possa gelare.

Kona Electric migliora l’autonomia

L’obiettivo chiave del test invernale per un veicolo elettrico è aumentare l’efficienza di utilizzo dell’energia. Sulla nuova Kona Electric sono presenti soluzioni tecniche in grado di migliorare l’autonomia di guida  (482 km quella massima) riducendo al minimo l’utilizzo di energia per il riscaldamento, la ventilazione e il funzionamento del climatizzatore (HVAC). Una nuova pompa di calore altamente efficiente sfrutta il calore dissipato emesso dai componenti elettrici e lo ricicla per aumentare l’efficienza dei sistemi di riscaldamento e ventilazione. Riducendo al minimo il consumo di elettricità dalla batteria, la pompa di calore contribuisce quindi a garantire un’ampia autonomia della vettura anche in inverno.

Ultima modifica: 15 Marzo 2018

In questo articolo