Federmetano a Oil&NonOil 2022

1186 0
1186 0

Da Federmetano vi proponiamo questo interessante evento.

Federmetano tra i protagonisti di Oil&NonOil 2022, la tre giorni dedicata al futuro della filiera distributiva dei carburanti e della mobilità sostenibile e svoltasi dal 16 al 18 novembre 2022 a Verona. Ne abbiamo parlato qui.

In particolare il presidente Dante Natali è intervenuto al convegno inaugurale di mercoledì 16 novembre, dal titolo “Energie per l’Italia: il ruolo della rete distributiva per la competitività italiana”.

Il presidente ha illustrato la situazione attuale in cui versa il settore mostrando qualche numero: è stato stimato che l’erogato totale nel 2022 sarà di circa 700 milioni di metri cubi, diminuito del 32,5% rispetto ai valori del 2019 mentre l’erogato medio del primo semestre è stato pari a 250mila mc contro i quasi 350mila nel 2019, equivalente a una contrazione del 28% rispetto allo stesso periodo nel 2019; le immatricolazioni 2022 delle autovetture a metano registreranno una diminuzione del 65% rispetto ai valori del 2019 e il 10% della rete, che hanno prezzi oltre 2,770 euro/kg (livello di parità con la benzina) può essere ritenuta virtualmente chiusa.

Il biometano

Il presidente ha concluso mostrando una simulazione delle immatricolazioni dei veicoli elettrici BEV, elaborata in chiave ottimistica, dalla quale emerge che, per avere le sei milioni di auto elettriche circolanti in Italia così come prospettato nel PNIEC al 2030 sarà necessario aspettare il 2046 ma nel frattempo, ha evidenziato, una soluzione pronta all’uso per la decarbonizzazione dei trasporti è rappresentata dal biometanoQui è disponibile la presentazione del 16.11.2022

Il presidente Dante Natali è poi intervenuto durante il convegno “Mobilità Europea al 2035. Quali scenari per il settore Trasporti e Carburanti” di giovedì 17 novembre, nel quale ha illustrato le richieste di Federmetano in ambito FF55, quali  l’inclusione del gas naturale/biometano tra le opzioni percorribili per veicoli leggeri e pesanti anche dal 2035 in poi, passaggio al LCA per valutazione emissioni, riconoscimento dei veicoli a combustibili rinnovabili (biometano) come ZEV; il mantenimento dell’attuale fiscalità per il gas naturale, vista la crescente sostituzione con biometano e possibilità di miscelazione con idrogeno e il mantenimento del CNG nella proposta di Regolamento infrastruttura combustibili alternativi ( AFIR ), con obiettivi di sviluppo LNG anche oltre il 2035.

Per scaricare la presentazione del 17.11.2022, clicca qui.

Ultima modifica: 28 Novembre 2022