BMW apre un centro di ricerca dedicato alle batterie per auto elettriche

3241 0
3241 0

Lo abbiamo visto più volte: fra le aziende automobilistiche maggiormente impegnate nello sviluppo di forme di mobilità più pulita, spicca certamente BMW. L’ultimo aggiornamento in questo senso è dato da un recente annuncio dell’azienda tedesca nel quale si parla dell’imminente apertura di un nuovo centro di ricerca e progettazione dedicato alle batterie per auto elettriche.

Leggi anche: BMW prende energia dal vento, dal sole e dalla cacca. Le rinnovabili per l’industria dell’auto

PRONTO NEL 2019

La location è Monaco, città che ha visto i natali del marchio ormai cento anni fa, da sempre sede principale. Il polo di ricerca e di produzione verrà aperto nel 2019 e si occuperà di sviluppare batterie e sistemi tecnologici dedicati ai futuri veicoli elettrici del gruppo tedesco. Più precisamente, dice BMW, non si tratterà di produrre batterie in serie, quanto piuttosto di studiare dei modi per ottimizzare le tecnologie già esistenti, restituendo ai fornitori di batterie metodi più efficaci ed efficienti, sia economicamente che in termini di prestazioni.

200 MILIONI DI EURO DI INVESTIMENTO

Il futuro nuovo centro è stato presentato durante la cerimonia di posa della prima pietra da Klaus Fröhlich ed Oliver Zipse, rispettivamente responsabili BMW per la Ricerca e Sviluppo e per la Produzione. All’interno vi lavoreranno squadre di tecnici e ricercatori impegnati in vari ambiti. Non solo ricerca nel campo delle celle ad accumulo di energia, ma anche nel campo della chimica e vi sarà spazio anche per studi su svariati tipi di materiali.

L’importanza industriale di questo polo è sottolineato dal cospicuo investimento stanziato da BMW, che si attesta su 200 milioni di euro da qui a quattro anni.

Ultima modifica: 27 Novembre 2017