Massa in pista a Jerez La F138 svezzata con 64 giri “E’ di un altro pianeta” L’esordio della nuova Ferrari

1369 0
1369 0

Nessun problema tecnico per la nuova Rossa: Felipe ha ottenuto il sesto tempo a 1″675 dalla McLaren di Button. Secondo Webber, terzo Grosjean

Jerez, 5 febbraio 2013 – E’ ufficialmente iniziata la nuova stagione della Ferrari. La scuderia di Maranello e’ infatti scesa in pista sul circuito di Jerez per i primi test ufficiali in vista del Mondiale 2013. A guidare la nuova F138 e’ stato il brasiliano Felipe Massa.

Sul circuito andaluso il programma della giornata ha preso il via poco dopo le nove quando in pitlane sono scattate le luci verdi e nel box Ferrari si sono accesi i motori per consentire a Felipe di completare alcuni consueti giri d’installazione. Dopo una breve interruzione causata da due bandiere rosse – la prima quella di Button su McLaren, la seconda quella di Rosberg su Mercedes – e’ continuato il lavoro della squadra, incentrato principalmente sull’acquisizione di dati per definire il comportamento della vettura. Il brasiliano ha percorso 64 giri, ottenendo il sesto tempo complessivo (1’20”536) a 1″675 dalla migliore prestazione di Button (1’18″86). Il pilota della McLaren ha preceduto la Red Bull dell’australiano Mark Webber di 848 millesimi.

Romain Grosjean, a lungo il piu’ veloce con la sua Lotus, alla fine ha accusato un ritardo di poco superiore ai nove decimi. A seguire la Force India di Paul di Resta (+1″482) e la Toro Rosso di Daniel Ricciardo (+1″540). Settimo Nico Hulkenberg, all’esordio con la Sauber a 1″838, quindi Nico Rosberg con la Mercedes a 1″985. Il pilota tedesco, pero’, ha portato a compimento solo undici giri per via di un problema elettrico che ha bruciato l’alternatore sulla sua W04.

Al termine della prima giornata di test, Massa si e’ detto soddisfatto della nuova Ferrari: “E’ di un altro pianeta rispetto allo scorso anno, molto piu’ equilibrata ed e’ migliorata nella trazione, ho sentito bene il retrotreno in un tracciato che lo mette facilmente in crisi. La differenza rispetto al 2012 e’ enorme”.

Ultima modifica: 16 Novembre 2017