Usa, l’anno parte bene per l’auto Ma in Italia e’ profondo rosso

623 0
623 0

General Motors ha fatto registrare in gennaio negli Stati Uniti una crescita significativa rispetto allo stesso mese del 2010. Cattive notizie per il nostro Paese che fa segnare un calo del 20,7%

New York, 01 febbraio 2011 – Nel mese di gennaio le immatricolazioni di General Motors negli Stati Uniti sono cresciute del 23,3% a 178.896 unita’ rispetto allo stesso periodo del 2010, grazie alle vendite retail, aumentate del 36%. “Gennaio e’ stato un mese positivo che apre bene il nuovo anno in ognuna delle quattro divisioni”, ha detto Don Johnson, vicedirettore generale delle vendite.
 

Secondo quanto si legge nel comunicato diffuso dalla societa’, “i risultati sono stati favoriti da miglioramenti in tutti i segmenti, con i modelli piu’ nuovi che hanno fatto da traino”, ha detto Don Johnson. Guardando ai singoli marchi, in gennaio sono state acquistate 125.389 Chevrolet (+19,1% rispetto all’anno scorso), 13.269 Buick (+31,9% rispetto a gennaio 2010), 27.658 Gmc (+29,8%) e 12.580 Cadillac (+49,1%). In gennaio le vendite combinate dei nuovi veicoli (tra cui la Chevrolet Equinox, la Buick LaCrosse e la Cadillac Srx) sono aumentate complessivamente del 31 per cento.
 

Bene le vendite totale di veicoli per passeggeri, cresciute del 15% grazie alla domanda di Chevrolet Cruze, Buick Regal e Cts Coupe. Cresciute del 31% rispetto al gennaio 2010 le vendite di crossover, trainate da Chevrolet Equinox (+35%), Gmc Terrain (+48%) e Cadillac Srx (+31%), mentre quelle di pickup sono complessivamente salite del 28% (+37% le vendite retail).

Ultima modifica: 16 Novembre 2017