Usa, l’auto elettrica fa subito flop Poche consegne, pessime previsioni

872 0
872 0

Chevrolet Volt e Nissan Leaf in dicembre non hanno scaldato il mercato americano. Le Case tacciono, ma i lenti ritmi di produzione stanno a significare un’allarmante prudenza. Il principale deterrente sono i prezzi

Roma, 3 dicembre 2011 – Tutti ne parlano, tanti la esaltano, ma i risultati ancora non si vedono. In Usa l’elettrica fa flop. Dopo che il Washington Post ha indicato nei Suv il vero traino del mercato automobilistico americano, ecco che i numeri di dicembre assestano un altro duro colpo alla linea ecologica a stelle e strisce. Chevrolet Volt e Nissan Leaf nell’ultimo mese hanno infatti fatto segnare riscontri negativi in termini di vendite: per la vettura americana (gemella dell’Opel Ampera) si parla di consegne comprese fra le 250 e le 350 unita’, mentre la berlina giapponese, Car of the Year 2011, si sarebbe addirittura fermata sotto le 10 unita’.
 

E il futuro non si prospetta roseo, la situazione dovrebbe migliorare solo nel 2012, quando le due vetture saranno disponibili sull’intero mercato americano. Il deterrente pare prima di tutto il prezzo, decisamente superiore rispetto ai modelli a benzina. La Volt a listino parte da 40.280 dollari (poco piu’ di 30 mila euro), la Nissan Leaf da 32.780 (24615 euro).
 

Le Case per ora non affrontano l’argomento e, anzi, sbandierano previsioni incoraggianti. Ma i ritmi di produzione restano lenti, la prudenza con cui si stanno muovendo i grandi marchi parla da se’.  Dopo l’attenzione mediatica che ha accompagnato l’auto ecologica negli ultimi mesi, la prova dei fatti e del portafoglio pare aver portato una prima bocciatura.

Ultima modifica: 16 Novembre 2017