Il Suv delle nevi: lo Yeti

864 0
864 0

La Skoda festeggia oggi l’ampliamento della propria gamma con un modello che porta il nome dell’uomo delle nevi: la Yeti e’ infatti ai blocchi di partenza

{{IMG_SX}}La Skoda festeggia oggi l’ampliamento della propria gamma con un modello che porta il nome dell’uomo delle nevi: la Yeti e’ infatti ai blocchi di partenza. La scelta del nome ha pero’ un altro significato, piu’ profondo, che si rifa’ all’ambiente dove vive questo personaggio fantastico: la Yeti e’ una vettura robusta, attrezzata per affrontare condizioni particolarmente difficili e trasportare tranquillamente i suoi passeggeri in situazioni in cui altri veicoli devono gettare la spugna. Rispetto all’uomo delle nevi, tuttavia, quest’auto presenta anche altri pregi; per esempio, si sente a proprio agio anche in condizioni climatiche piu’ miti, riuscendo a dare il meglio di se’ tanto su terreni difficili e fuoristrada come pure su strada e in citta’. La sua lunghezza di 4.223 mm ne consente il parcheggio anche in spazi relativamente ridotti e grazie alla larghezza di 1.793 le porte si apriranno comodamente anche nei posti auto piu’ stretti. Nel caso in cui il fondo stradale diventi sconnesso e difficoltoso, lo slanciato frontale della Yeti e la notevole altezza dal suolo le consentono di procedere senza problemi.

 

{{}}L’altezza della vettura e’ di 1.691 mm, mentre il peso a vuoto con conducente si attesta sui 1.520 kg (riferito alla versione 1.8 TSI 4×4); il carico utile minimo di 545 kg consente di utilizzare appieno il volume del bagagliaio, compreso tra 416 e 1.760 litri. Una capacita’ di traino massima di 1.600 kg permette infine l’aggancio sicuro di rimorchi di qualsiasi tipo. Nel segmento dei SUV compatti, la Yeti affronta concorrenti come Toyota RAV4, Nissan Qashqai, Suzuki Grand Vitara, Hyundai Tucson e Kia Sportage, e aspira alla leadership della categoria, tanto apprezzata quanto affollata. Accanto alle eccellenti qualita’ di guida, sia fuoristrada che in citta’, sia su strade extraurbane che sulle autostrade, per nulla inferiori a quelle di una berlina compatta, la nuova Skoda offre la piu’ moderna gamma di motorizzazioni all’interno del segmento, in grado di fornire eccellenti prestazioni in termini di economia nei consumi e ridotte emissioni inquinanti; in base alla filosofia dei suoi sviluppatori, infatti, solamente una strategia basata su motorizzazioni parsimoniose e accessibili e’ in grado di costruire prospettive future per il segmento. La gamma delle motorizzazioni della Skoda Yeti si fonda cosi’ sulla strategia della riduzione di cilindrata, pur con un incremento delle prestazioni grazie alla modernizzazione tecnologica del propulsore, che rende possibile l’erogazione di una coppia elevata gia’ a bassi regimi di rotazione. Assistiamo contemporaneamente a una riduzione dei consumi, che certamente fara’ piacere al portafogli del guidatore della Yeti, e delle emissioni di CO2, NOx ed HC, con conseguenze positive sotto l’aspetto dell’inquinamento ambientale; la Yeti si trova a proprio agio nella natura ed e’ suo desiderio rispettarla. Per i Clienti meno interessati ai vantaggi che comporta la trazione integrale permanente, la Skoda offre anche una variante della Yeti dotata di sola trazione anteriore; la notevole altezza dal suolo consente anche a questa versione di avanzare con sicurezza su fondi sconnessi e difficili.

 

{{IMG_SX}}La gamma di motorizzazioni della Yeti e’ composta da cinque propulsori quattro cilindri, con potenze comprese tra 105 CV e 170 CV, due dei quali benzina e tre Diesel; tutti rispettano la normativa Euro 5. Il propulsore base e’ il benzina 1.2 TSI, al debutto su una Skoda, che eroga 105 CV , con una coppia massima di 175 Nm tra 1.500 e 3.500 giri. Sono disponibili a scelta il cambio manuale a sei rapporti o l’innovativo cambio DSG a sette rapporti (disponibile a partire dalla primavera del 2010). Un’altra novita’ e’ rappresentata dal propulsore Diesel a 2 litri, disponibile in tre versioni, tutte con iniezione Common Rail e dotate di filtro antiparticolato di serie. La versione base ha 110 CV , seguita da quella da 140 CV esse sviluppano una coppia massima rispettivamente di 250 e 320 Nm tra 1.500-2.500 e 1.750-2.500 giri. Il consumo nel ciclo combinato della versione 140 CV , abbinata alla trazione integrale permanente, si attesta su 6,1 litri per 100 km, con emissioni di CO2 pari a 159 g/km. La versione Diesel di punta e’ il quattro cilindri 170 CV con una coppia massima di 350 Nm erogata tra 1.750 e 2.500 giri. Il ricircolo dei gas di scarico, che miscela fino al 60% di vapori di combustione all’aria di aspirazione, e il catalizzatore ossidante garantiscono ridotti valori di emissioni.

Ultima modifica: 16 Novembre 2017