Al Salone Di New York protagonista l’Europa

894 0
894 0

Il Salone di New York, o meglio il Nyias (2009 New York International Automobile Show), tiene duro e, nonostante tutto, aprie i battenti al pubblico oggi 10 aprile fino al 19 aprile, tentando anche quest’anno di contrastare l’alter ego rappresentato dal Salone di Detroit (NAIAS) svolto a gennaio scorso

{{IMG_SX}}Il Salone di New York, o meglio il Nyias (2009 New York International Automobile Show), tiene duro e, nonostante tutto, apre i battenti al pubblico oggi 10 aprile fino al 19 aprile, tentando anche quest’anno di contrastare l’alter ego rappresentato dal Salone di Detroit (NAIAS) svolto a gennaio scorso. Incertezza per le novita’ che saranno presenti, con un elenco “corto” dove spiccano soprattutto le stelle europee e tedesche in particolare. In prima posizione si schiera la Mercedes con ben quattro anteprime mondiali, rappresentate dalla Classe E 63 AMG, la Classe E BlueTec Hybrid, la Classe GL (face lift) e la Classe M ML450 BlueHybrid.  La ML 450 BlueHybrid e’ stata disegnata apposta per il mercato americano e adotta l’innovativo sistema ibrido two-mode. Vanta 340 Cv ed emissioni Sulev, le piu’ restrittive presenti in America.  La Bmw fa da contrappunto con i due modelli sportivi M, i Suv X6 M e X5 M, equipaggiati con un potente propulsore V8 M da 4.400 cc che eroga la bellezza di 555 Cv a 6.000 giri ed una coppia massima di 678 Nm, costante da 1.500 a 5.650 giri.  Un propulsore che utilizza per ogni bancata il sistema twin-scroll con il biturbo in abbinata, riuscendo a scagliare questi grandi Suv da 0 a 100 km/h in circa 4.5 secondi. Tra i giapponesi la Lexus (Gruppo Toyota) presenta la nuova berlina alto di gamma LS600h ibrida, che raggiunge i 500 Cv con un V8 abbinato al motore elettrico. All’Auto Show ci sara’ la nuova Nissan 370Z Roadster, il cui arrivo in Europa e’ previsto da maggio prossimo nella versione coupe’ con il 3.7 V6 da 332 Cv abbinato ad un cambio manuale a 6 rapporti. Attesa anche una novita’ dalla Mitsubishi, con il prototipo crossover GT (GranTurismo). Tra le coreane la Hyundai si lancia con il prototipo Nuvis. Con l’aumentato interesse verso le vetture elettriche al Salone sono previsti nuovi costruttori come la EV Innovations che presenta la supercar elettrica Liv Inizio. I brand americani indaffarati a risolvere i problemi interni di sopravvivenza proporranno soprattutto modelli ecologici, evoluzione se non proprio gli stessi, gia’ scoperti a Detroit, quando il vento della crisi iniziava a montare. New York quest’anno arriva troppo presto per spiegare quale strada l’industria automobilistica intraprendera’ nei prossimi anni: ci vogliono dai 3 ai quattro anni per realizzare una nuova vettura, e anche di piu’ se questa dovra’ proporre soluzioni innovative e tecnologicamente molto avanzate. Tuttavia nei due giorni riservati alla stampa (l’8 ed il 9 aprile) non mancheranno di certo le sorprese, come gli USA ci hanno gia’ insegnato in passato.

Ultima modifica: 16 Novembre 2017