Possibile aiuto dello Stato Francese all’industria automobilistica

948 0
948 0

Lo Stato francese potrebbe decidere di prendere una partecipazione nei gruppi auto in cambio di un sostegno finanziario

Lo Stato francese potrebbe decidere di prendere una partecipazione nei gruppi auto in cambio di un sostegno finanziario. Lo ha detto oggi il ministro dell’ Industria Luc Chatel al quotidiano ‘Le Figaro’, alla vigilia degli ‘stati generali dell’automobile’ in cui il governo dovrebbe annunciare nuove misure a sostegno del settore, uno dei piu’ colpiti dalla crisi.”I costruttori non mancano necessariamente di fondi propri, ma come controparte del nostro sostegno finanziario salire nel loro capitale potrebbe essere in alcuni casi una moneta di scambio”, ha detto Chatel, precisando che non e’ stata presa ancora alcuna decisione sulle ‘differenti forme” di sostegno finanziario all’esame del governo.

 

Chatel ha comunque ricordato che in cambio del sostegno i costruttori devono impegnarsi a salvaguardare i centri di produzione del Paese. ”Crediti bonificati, garanzie dei prestiti, obbligazioni convertibili… studiamo tutte le possibilita”, ha precisato. La riunione di domani, cui partecipano i rappresentanti della filiera auto, dovrebbe contribuire al lancio entro la fine del mese di un piano di rilancio per salvare il settore. Domani e’ comunque gia’ previsto il lancio ufficiale del fondo di sostegno di 300 milioni di euro, finanziato per 100 milioni dal Fondo strategico di investimento e per 200 da Renault e PSA Peugeot Citroen.

Ultima modifica: 16 Novembre 2017