Auto sostitutiva: come fare per averne una

456 0
456 0

Quando la propria automobile è in riparazione dal meccanico per qualche giorno, per non restare a piedi è necessario richiedere un’auto sostitutiva. Vediamo come fare.

Come fare senza automobile quando la nostra auto dovrà rimanere dal carrozziere per alcuni giorni, per subire le riparazioni? In tal caso sarà necessario richiedere un’automobile sostitutiva. Vediamo cos’è un’auto sostitutiva, come fare ad ottenerla e quali sono i costi che dovremo eventualmente sostenere.

Il dubbio che assale molti automobilisti che in famiglia non possiedono un secondo mezzo, è quello di come trovare una soluzione per la mobilità, quando la propria auto è ferma qualche giorno dal carrozziere per la riparazione. Sicuramente avrete sentito parlare a tal proposito del servizio di auto sostitutiva, anche denominata in gergo tecnico, auto di cortesia. Per poter usufruire di un’auto di cortesia, sarà necessario conoscere tutte le informazioni necessarie per richiedere questo servizio al momento opportuno.

Cerchiamo di esaminare dunque tutte le regole in vigore, in materia di auto sostitutiva o auto di cortesia, per poter ottenere l’auto e beneficiare di questo servizio quando si rimane a piedi, poiché si è costretti a lasciare la propria automobile qualche giorno dal meccanico.

Auto sostitutiva cosa è

L’auto sostitutiva o auto di cortesia, è un servizio che consente di beneficiare dell’uso di un automobile per i propri spostamenti, nel tempo nel quale la nostra automobile si trova dal meccanico per effettuare delle lavorazioni o delle riparazioni. Sarà possibile effettuare la richiesta dell’auto di cortesia, solamente nel caso in cui la riparazione che dovrà essere effettuata sulla propria vettura, comporterà delle tempistiche di lavoro superiori alle sei ore.

A tal proposito bisogna precisare che esistono dei casi ben distinti relativi all’utilizzo dell’auto sostitutiva o di cortesia. Il primo caso si presenta quando portiamo l’automobile presso un’officina autorizzata dalla casa automobilistica, per effettuare una riparazione. In queste circostanze, se la vettura è ancora in stato di garanzia, sarà opportuno procedere con la lettura delle clausole contrattuali relative al capitolo e alla voce auto sostitutiva. Qualora questa clausola non dovesse essere presente nel contratto, sarà necessario effettuare una richiesta specifica al titolare dell’officina convenzionata presso la quale porteremo l’automobile in riparazione. In questo modo capiremo se avremo diritto a beneficiare del servizio dell’auto di cortesia e con quali criteri.

Il secondo caso che volgiamo esaminare è quello che ci vede costretti a portare l’automobile presso una qualsiasi officina (anche non convenzionata) perché siamo rimasti coinvolti in un incidente stradale e il nostro autoveicolo non è più in grado di procedere la marcia a seguito dell’incidente e sarà pertanto necessario effettuare la riparazione di un guasto meccanico. In dette circostanze sarà importante chiedere se sarà possibile beneficiare del servizio relativo all’auto di cortesia, nel tempo strettamente necessario alla riparazione dell’autoveicolo. In queste circostanze, sarà bene informarsi se per usufruire del servizio dell’automobile sostitutiva, dovremo sostenere dei costi.

Auto sostitutiva come funziona

Vi è poi il caso nel quale con l’assicurazione RC Auto, nell’occasione della stipula del contratto, avrete deciso di inserire l’opzione del servizio di beneficio dell’auto sostitutiva; in tal caso l’automobile, vi verrà concessa a titolo gratuito, nei tempi strettamente necessari alla riparazione della vostra automobile. In questo caso il titolare della polizza assicurativa, pagherà una somma alla compagnia assicurativa, che coprirà da contratto le spese per il servizio dell’auto sostitutiva.

E’ importante sottolineare di come oggi molte officine private, anche con convenzionata con le case automobilistiche, cercano di venire incontro ai propri clienti, offrendo un servizio di auto di cortesia a titola gratuito, per il tempo strettamente necessario ad effettuare la riparazione del veicolo del cliente. Per questa ragione l’auto sostitutiva, prende oggi anche l’appellativo di auto di cortesia. E’ bene sapere, che talvolta il servizio proposto dell’auto sostitutiva, risulta comunque a pagamento.

Per quanto riguarda il servizio a pagamento dell’auto sostitutiva, dobbiamo aprire un capitolo a parte. A meno che l’automobilista non decida di stipulare una polizza assicurativa, che previo il pagamento di un importo, preveda il servizio dell’auto sostitutiva in caso di bisogno, sarà opportuno verificare se l’officina o la carrozzeria saranno in grado di offrire questo servizio, durante il periodo necessario per la riparazione dell’automobile. Qualora la vettura che sarà concessa in sostituzione della propria in fase di riparazione, è di proprietà dell’officina, e quindi destinata ad un uso privato, tendenzialmente essa viene concessa in uso gratuito.

Costi auto sostitutiva

A volte il problema di usufruire del servizio di un’auto sostitutiva, potrebbe derivare dal fatto che l’officina o la carrozzeria non hanno al momento disponibile un’auto di cortesia, che in dette circostanze è stata già concessa ad un altro cliente. Per questa ragione, sarà importante, nel caso si decida di portare l’automobile a riparare presso un’officina, accertarsi preventivamente se vi sia o meno la possibilità di beneficiare di un’auto sostitutiva, per il periodo strettamente necessario alla riparazione del proprio veicolo. Così facendo, eviteremo di rimanere a piedi nel tempo necessario per la riparazione del nostro veicolo.

Vi consigliamo dunque di condizionate la vostra scelta sull’officina o la concessionario che effettuerà la riparazione della vostra auto, anche in riferimento alla possibilità o meno di beneficiare del servizio dell’automobile di cortesia. Un altro caso possibile è invece quando l’auto di cortesia concessa da un’officina o da un carrozziere, non è di proprietà degli stessi ma in regime di noleggio. In tal caso, per beneficiare del servizio dell’auto sostitutiva, potrà essere richiesto al cliente, il pagamento dell’importo di noleggio, per i giorni necessari all’utilizzo dell’auto sostitutiva.

L’importo da sostenere per il noleggio dell’automobile sostitutiva, in tal caso verrà calcolato per i giorni nei quali l’automobile sostitutiva verrà concessa in uso al cliente; ovviamente in tal caso, verrà stipulato un contratto vero e proprio di noleggio auto. Come avrete potuto capire da questa nostra guida, non esiste un vero e proprio regolamento che disciplina la materia dell’auto sostitutiva o di cortesia. Esistono particolari formule di contratti assicurativi RCA che prevedono il servizio, o il beneficio delle formule di garanzia dell’acquisto di un veicolo, fino ai servizi offerti dalle officine private a titola gratuito o con la stipula di un contratto di noleggio auto.

Ultima modifica: 15 maggio 2018