Associazione Borgogni aderisce a Firenze30 (km/h)

145 0
145 0

Martedì 19 settembre, durante la Settimana Europea della Mobilità, è nata Firenze30, una rete di associazioni e cittadini che propongono un modello diverso di città.

In tutto il mondo ormai decine di città hanno adottato il modello della Città 30, ovvero l’introduzione del limite di velocità generalizzato a 30 km/h ad eccezione delle strade principali e di scorrimento.

Firenze30, la campagna

La campagna Firenze30, promossa da FIAB Firenze Ciclabile, Fridays for Future, Legambiente Firenze, Associazione Gabriele Borgogni, Associazione Lorenzo Guarnieri e BYCS, parla a tutta la cittadinanza e agli amministratori presenti e futuri della città.

Vogliamo superare il modello di mobilità fondato sull’auto privata” spiega Tiziano Carducci, presidente di FIAB Firenze Ciclabile, “una città meno inquinata, più verde, più sicura e inclusiva, in cui le strade siano progettate per diventare luoghi vivibili e sicuri e non per smaltire più auto possibile”.

Riforma del codice della strada e dibattiti attivi in tema di mobilità limite 30 km:h

Firenze30, le parole

Le strade nella nostra provincia, negli ultimi 10 anni, hanno visto 135 morti e 29.000 feriti” spiega Stefano Guarnieri. “Crediamo che non sia più accettabile e la moderazione della velocità è il tema di partenza per dire basta morti in strada”. “L’obiettivo strategico dell’UE per la sicurezza stradale prevede di azzerare al 2050 il numero di vittime e feriti gravi sulle strade” precisa Jacopo Bardi, Bicycle Mayor of Florence per BYCS. “Lo stesso Parlamento Europeo propone quindi il limite di 30 km/h come regola generale per le zone residenziali e con un elevato numero di ciclisti e pedoni.

ll tema della comunicazione e dell’educazione verso tutti i cittadini è essenziale per comprendere i rischi connessi all’eccesso di velocità” prosegue Valentina Borgogni. “Abbiamo realizzato un sito, firenze30.it, per raccontare perché il modello della Città 30 è necessario per rendere le strade sicureLa velocità, purtroppo spesso abbinata alla distrazione –aggiunge la Presidente dell’Associazione Borgogni-, è la causa delle centinaia di morti che abbiamo sulle nostre strade, ma non possiamo dimenticare i feriti gravi e gravissimi ai quali cambia la vita per sempre. La nostra richiesta deve partire da un cambiamento culturale e per fare ciò sappiamo che servirà tempo, ma anche risorse e volontà sia dei cittadini sia delle Istituzioni, che non possono non vedere questa necessità.

Spiega Edoardo Falchini di Fridays for Future Firenze: “lo sviluppo di infrastrutture ciclabili e la riprogettazione delle strade a misura di pedone riducono l’inquinamento dell’aria, l’inquinamento acustico e contribuiscono a ridurre l’esclusione sociale e la diseguaglianza.”
“Il nostro percorso nasce dalla collaborazione con l’esperienza di Bologna
” conclude Cecchi di Legambiente Firenze “la campagna Bologna30 ha mosso l’opinione pubblica e l’amministrazione, portando al provvedimento di quest’estate con cui Bologna ha applicato i principi della città 30. Crediamo che anche Firenze possa diventare una città costruita sulle persone anziché sulle auto”.

Associazione Borgogni aderisce a Firenze30 (km/h) Valentina_Borgogni_serata 2019

Leggi ora: le novità auto

Ultima modifica: 20 Settembre 2023