Audi Q8 e-tron: inizia in Belgio la produzione del grande suv elettrico

169 0
169 0

Audi ha annunciato l’inzio della produzione degli Audi Q8 e-tron di nuova generazione. Le linee di assemblaggio si sono attivate presso l’impianto Audi di Bruxelles, in Belgio.

“Con la sua maggiore efficienza e autonomia, oltre al suo design affilato, il nuovo Audi Q8 e-tron rappresenta una forte affermazione per l’elettromobilità”, dice Gerd Walker, responsabile della produzione e della logistica per Audi.

Il nuovo suv elettrico aggiornato è dotato di un pacco batterie più grande del 29%, da 69 a 89 kWh, che gli permette di beneficiare di una migliore autonomia: 491 chilometri nella variante base e ben 505 chilometri nella più elegante veste Sportback. Non solo: opzionale vi è anche un pacco batteria ancora più grande, da 106 kWh, che permette di arrivare fino a 582 chilometri con un pieno di energia e addirittura a 600 chilometri nella variante Sportback. I due motori elettrici di cui è dotata sono in grado di erogare fino a 503 cavalli e 973 Nm di coppia (nella variante sportiva SQ8 e-tron).

Audi Q8 e-tron 12
Audi Q8 e-tron (Foto: Audi)

Il suv Audi Q8 e-tron sarà certificato a emissioni zero non solo per la sua natura di veicolo elettrico. Lo stabilimento belga dove è prodotto, infatti, utilizza energia rinnovabile sin dal 2012 e recentemente sono stati aggiunti ben 107 mila metri quadrati di pannelli solari sul suo tetto. Il sistema è dunque in grado di generare 9 mila megawattora di energia all’anno, una quantità sufficiente a caricare 90 mila Q8 e-tron. Grazie a questo accorgimento, lo stabilmento Audi di Bruxelles evita l’emissione di 1.881 tonnellate di carbonio all’anno.

Dallo scorso maggio l’impianto utilizza solo treni merci a energia verde per spostare materiali e merci da dentro a fuori la fabbrica e viceversa e i fornitori esterni Audi sono tenuti a utilizzare solo energie rinnovabili.

Gli ordini per il nuovo suv elettrico Audi sono stati attivati in Europa e i primi modelli dovrebbero arrivare alle concessionarie verso la fine di febbraio 2023.

Ultima modifica: 15 Dicembre 2022

In questo articolo