Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio a 322 km/h sulle autostrade tedesche

13470 0
13470 0

Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio a 322 km/h sulle autostrade tedesche, in un tratto senza limiti di velocità. Una performance poco ortodossa, e poco legale, data l’inquadratura da smartphone, su una autobahn.

Alfa Romeo Giulia in USA si prende gioco di Audi, BMW e Mercedes
Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio

Sta di fatto, che Giulia Quadrifoglio ha raggiunto una velocità massima notevole per una berlina a quattro porte. Non si tratta infatti di una supercar o una hypercar, anche se il motore 2.9 V6 di origine Ferrari con 510 cavalli e 600 Nm di coppia resta il punto di riferimento assoluto. Anche a più di quattro anni dal suo esordio.

Leggi anche: perché Giulia Quadrifoglio è la più veloce quattro porte in pista

I 322 km/h, forse ottenuti in un tratto in leggera discesa, sono ben 15 km/h orari in più rispetto alla velocità massima dichiarata. Giulia Quadrifoglio è accreditata da Alfa Romeo di 307 chilometri orari di punta e di un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 3,9 secondi. Ricordiamo anche la eccellente performance sul giro al Nurburgring, con un modello interamente di serie, completato in 7 minuti e 28 secondi.

La questione del tachimetro

La velocità massima è da tachimetro, quindi con un margine di errore. La strumentazione di bordo è diventata più precisa rispetto al passato. Ma va considerato lo stesso un margine per eccesso.

Ad esempio, nella prova strumentale del mensile Auto, Giulia Quadrifoglio ha toccato una velocità massima di 305,9 km/h. Indicati a tachimetro erano 309 km/h. Lo scarto medio del tachimetro per il magazine è dell’1.4%.

Sarebbe quindi di 4,5 km/h, che farebbe scendere la velocità sulla autobahn a 317,5 km/h. Sempre notevolissima.

Alfa Romeo Giulia GTAm

Chissà cosa potrebbero fare Alfa Romeo Giulia GTA e GTAm. dotate di 30 cavalli in più (540 CV), di circa 100 kg di peso in meno e di una aerodinamica più raffinata ed estrema.

Leggi anche: Alfa Romeo Giulia GTA e GTAm, la berlina più veloce del mondo

Ultima modifica: 16 Aprile 2020

In questo articolo